Non di meno è la potenza narrativa del lavoro della Grossman, per quanto questo elaborato su tre livelli di rappresentazione: footage d’archivio, intervistati mostrati (tecnicamente chiamate talking heads) e ricostruzioni dei fatti in sequenze di vero e proprio cinema di finzione. Certamente più ricco produttivamente rispetto al film di Jude, Chi scriverà la nostra storia è sostenuto da Nancy Spielberg, la sorella di Steven, e si avvale di voci Hollywoodiane quali Joan Allen e Adrien Brody, che ricordiamo commovente protagonista de Il pianista di Roman Polanski ambientato proprio nel Ghetto di Varsavia. Al centro è l’intenzione di drammatizzare il ritrovamento dei 60mila documenti tenuti sepolti sotto un’abitazione da parte del gruppo intellettuale Oyneg Shabes quasi fosse un’operazione archeologica di indubbia fascinazione; ma la regista, da sempre impegnata a sfondo politico e filantropico, va ben oltre, avventurandosi nel fragile territorio delle contaminazioni creative e narrative. I suoi personaggi “rivivono” sia grazie appunto ai filmati d’archivio che al loro mutare in attori che li interpretano, dal b/n storico al colore della finzione. Lo spettatore si trova a comprendere il materiale attraverso una “materia spuria”, complice e complessa, foriera di più strati linguistici e codici espressivi. L’intenzione è far comprendere che senza il sacrificio estremo dello storico Emanuel Ringelblum e della scrittrice e accademica sopravvissuta Rachel Auerbach come di tanti loro amici e compagni, la memoria degli ebrei rinchiusi nel Ghetto di Varsavia come altrove sarebbe passata per la propaganda nazista. E invece quel Chi scriverà la nostra storia (in originale History e non Story a significare lo statuto ufficiale del farsi cronaca) sono stati loro, le loro penne graffianti che diaristicamente rendevano conto degli accadenti e degli orrori perpetrati dal Terzo Reich. Una resistenza inimmaginabile che ha sortito un patrimonio – anche culturale per la varietà di materiale custodito e rinvenuto  – inserito nel 1999 nel Registro della Memoria del Mondo dell’UNESCO proveniente dalla Polonia, accanto ai capolavori manoscritti di Chopin e alle opere scientifiche di Copernico.

 

INDIETRO

Giornata della Memoria, così due mirabili documentari raccontano l’orrore persecutorio sugli ebrei dell’Europa dell’Est

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Film in uscita, da La Favorita a Creed 2: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

next
Articolo Successivo

Elio Petri, 90 anni fa nasceva il padre rinnegato di un cinema che non c’è più

next