Occorre fare i conti con i miti moderni, con le incoerenze, con la corruzione, con gli esempi splendidi di eroismi inutili, con i sussulti della morale: occorre sapere e potere rappresentare tutto ciò.

In Italia, quella del cinema politico o d’impegno civile è stata una stagione incendiaria. Battezzata nel 1962 da Francesco Rosi con Salvatore Giuliano terminò bruscamente nel 1976, dopo anni intensissimi. Per una strana profezia o per un’orrida coincidenza, a decretarne la fine fu proprio l’autore che più di tutti aveva contribuito a renderla grande. Il 29 gennaio 1929 nasceva a Roma Elio Petri, padre rinnegato di un cinema che non c’è più.

Se esiste un dio, è comunista – Figlio unico, cresciuto in via dei Giubbonari da una famiglia di artigiani, Elio trascorre un’infanzia che lui stesso avrà modo di definire infelice. Nutrito dall’educazione cattolica e repressiva impartitagli dalla nonna, appena adolescente abbraccia in maniera autentica e profonda gli ideali della sinistra, aderendo alla federazione giovanile del Partito comunista. Religione e politica, quindi, mantecano in un sistema di valori complesso, persino conflittuale. Il suo primo approccio con il cinema, tuttavia, non è alla macchina da presa ma a quella da scrivere. Si esercita, infatti, nella critica, collaborando prima con L’Unità poi con Città aperta, e facendo da sceneggiatore (tra gli altri) a Giuseppe De Santis, “il mio unico maestro”. Questo, almeno, sino all’incontro con Marcello Mastroianni.

Non ancora feticcio di Federico Fellini, l’attore ciociaro diventa infatti subito amico di Petri e per lui indossa i panni dell’antiquario Alfredo Martelli, protagonista del lungometraggio d’esordio del cineasta romano, L’assassino (1961). Pur ancora acerba, la pellicola conserva qualche piccolo presagio: la passione per il genere giallo, l’attenzione per l’indagine di fatti e persone, ma soprattutto un neorealismo in cui la realtà non è rappresentata più in maniera diretta, ma grottesca e paradossale. Un’idea di cinema, questa, che maturerà nel corso degli anni ’60. Arricchita poi dalle divagazioni fantascientifiche de La decima vittima (1965, con un platinatissimo Mastroianni) e dall’incontro con Leonardo Sciascia e con Gian Maria Volonté (A ciascuno il suo, 1967).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, così due mirabili documentari raccontano l’orrore persecutorio sugli ebrei dell’Europa dell’Est

next
Articolo Successivo

Una certa tendenza del cinema italiano

next