LA FAVORITA di Jorgos Lanthimos. Con Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weisz USA/Regno Unito 2018. Durata: 120’. Voto: 4,5/5 (AMP)

Deformare per informare. Perché la Storia non è fatta solo di libri ma (soprattutto) di follie e derive umane con un unico obiettivo: conquistare il potere. E allora eccola derisa la bulimia a regnare sovrana, malaticcia e ambigua, senza figli ma con decine di conigli. Costei era Anne Stuart, regina d’Albione di primo Settecento, inadeguata a governare e per questo “governata” da due cortigiane perfide e seducenti. Si chiamavano Lady Marlborough e Lady Masham, entrambe di origini umili ma tanto abili ad arrampicarsi sopra e sotto le vesti sontuose della “adorata” sovrana, di cui vampirizzarono ogni possibile goccia vitale. Il trittico femmineo (i maschi sono residui incipriati) si ama e si odia, s’insegue e si spia, sorride mentre si graffia di veleno mortale. Il greco Lanthimos (prestato ancora alla lingua inglese ma finalmente regista di una sceneggiatura non propria – firmata infatti da Davis & McNamara – e gioisamente si sente) trova il suo territorio più fertile per esprimere l’assoluta ferocia del proprio cinema, applicato a un rococò dove l’eccesso esprime intimità e la finzione dà sostanza alla realtà. Allegoria assoluta sulla vastità del potere e sulla fragilità umana da cui discende. Attrici supreme tutte e tre candidate all’Oscar ma con Colman “favorita” di nome e di fatto alla vittoria da protagonista, ritmo furibondo, emozioni infernali, umorismo bestiale (quanto Swift s’innverva fra le pieghe testuali..) e bellezza mozzafiato (complici soprattutto i costumi della geniale Sandy Powell e le scenografie di Fiona Crombie): 10 nomination designate dall’Academy per un film da gustare fino all’ultimo sospiro.

Film in uscita, da La Favorita a Creed 2: cosa ci è piaciuto e cosa decisamente no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Schindler’s list, torna in sala l’indimenticabile film di Steven Spielberg sull’orrore dell’Olocausto

prev
Articolo Successivo

Giornata della Memoria, così due mirabili documentari raccontano l’orrore persecutorio sugli ebrei dell’Europa dell’Est

next