Crescita e occupazione rallentano. Ma la Bce a fine anno ha terminato il quantitative easing: nell’area dell’euro non si prevedono nuovi stimoli. Eppure l’inflazione è in calo: non è una novità. Nel 2018 è stata 1,1% in Italia, 1,7% in Europa: dai che recuperiamo! Intanto arrivano le prime ammissioni. Jean Claude Juncker: qualcosa s’è sbagliato, via, nell’Eurozona. Non dovevamo spianare la Grecia nel 2015 e non dovevamo fare l’austerità nel 2012, nei momenti più bui della crisi. Ma si è trattato di meri “errori”, episodi, scusateci, guardiamo avanti.

Eh, no, miei cari, no. Da quando l’euro c’è, l’inflazione (core) è stata sistematicamente inferiore all’obiettivo. E le previsioni della Bce sono sistematicamente distorte: la Bce immagina sempre, dietro l’angolo, un’inflazione che non c’è. Ergo, distorce stabilmente la politica monetaria in senso restrittivo. Difatti ogni volta che l’inflazione sta tornando verso il target del 2% la Bce la ributta giù (nel grafico, le linee colorate sono le previsioni in vari momenti):

In breve, da quando c’è l’euro la Bce orchestra una “disinflazione a sorpresa”, grazie alla quale:

1. I debiti pubblici e privati – inclusi gli stock di Npl delle banche – sono molto più alti di quanto dovrebbero essere. Se per esempio l’inflazione core fosse stata all’1,9% nel quinquennio 2014-18, il debito pubblico italiano, invece che al 131,6% del Pil, sarebbe sotto al 120% e in rapido calo.
2. I tassi d’interesse reali risultano ex-post sistematicamente più alti, aggravando la situazione dei debitori anche sotto il profilo dei flussi finanziari.
3. A milioni – in Spagna, Portogallo, Irlanda e altrove – sono finiti sul lastrico dopo il 2011, courtesy of the Ecb. Ma anche prima: da quando c’è l’euro, il tasso di disoccupazione non è mai sceso sotto il 7,2% e la media è stata 9,7%. Cioè l’attuale 8% è da considerarsi una festa.

E perciò ora la Bce ha deciso di stringere i freni. E lo farà, ma – tranquilli – più gradualmente di quanto pensava! Per la Bce evidentemente i ristoranti sono pieni, siamo in situazione simil-boom: l’inflazione, bau-bau, ancora una volta è dietro l’angolo! Ma Innocenzo dice che l’unico “errore” è stata l’austerità del 2011-12, e Innocenzo è un economista rispettabile.

Juncker ha sbagliato a maltrattare la Grecia. Ma a nessuno preoccupa il fatto stesso che l’Ue/Bce detenga il potere di distruggere una nazione, per sbaglio, o “per dare una lezione ai populisti di tutta Europa” (Wolfgang Schaeuble, 2015), non importa. Disse Robespierre: si è sbagliato a tagliare tante teste, ma teniamoci il potere di rifarlo, dans le cas… non si sa mai. Questa è la “democrazia liberale”? Davvero? Basta dare un po’ più di potere al Parlamento europeo, Dibba, e tutto va a posto?

Dulcis in fundo, l’Italia resta invischiata nella trappola delle aspettative depresse. A ciò contribuisce fortemente il divieto Ue di manovre espansive: divieto enforced da eventuali sanzioni, chiamate spread. L’Italia uscirebbe rapidamente dalla depressione con la vituperata svalutazione: lo fece molte volte in passato, con successo. È una manovra da manuale: regime change per spezzare le aspettative depresse. La teoria economica la raccomanda quando hai debiti, deficit e disoccupazione. Ma Innocenzo dice che senza l’euro esploderebbero inflazione e tassi d’interesse, e Innocenzo è un economista rispettabile.

E così l’Italia osserva la fuga (o l’apatia) dei giovani (non tutti però!) e la conseguente progressiva caduta del Pil potenziale: che, Mario Monti aveva detto, le sue riforme strutturali avrebbero innalzato di 11%, poi corretto a 7%, “entro il 2018”. Siamo allo scenario Detroit: fugge la base produttiva ma restano i debiti. Arriveremo a pagare i debiti e a rilanciare il Paese prima che tutti vadano via? Già, perché neanche i migranti sembrano più interessati a venire in Italia, a parte qualche disperato.

I responsabili di tutto questo sono persone responsabili, che perciò meritano il nostro rispetto. Persino Dibba e Luigi Di Maio s’allineano! E la Bce non sa fare le previsioni, però dice molte cose politically correct (per sopravvivere). Perciò tranquilli. Il nuovo giorno spunta dopo che la notte è più buia. Difatti già s’avanza il Sol dell’Avvenire: Carlo Calenda, novello Macron-Renzi-Letta-Gentiloni, sempre con le stesse politiche. D.o.c.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Germania sospende adesione a missione Sophia: “Tra motivi la linea dura italiana”. Salvini: “Non è un problema”

next