L’Academy ha ufficializzato i film candidati agli Oscar 2019 ma, neanche il tempo di ufficializzare le nomination, che già sui social gli hashtags #OscarNoms, #Oscar e #BestPicture erano diventati super trend su Twitter, assieme ai titoli delle pellicole che più stanno facendo discutere. Tra i titoli in lista come “miglior film” c’è infatti Black Panther, il cinefumetto della Marvel che ha ottenuto 7 nomination, sbaragliando tutte le regole: mai prima d’ora infatti, il film tratto da un fumetto era stato candidato alla statuetta più prestigiosa. In molti però non sono d’accordo con questa decisione: “È un incubo, vero?“, scrive qualcuno. E ancora: “Hanno raggiunto i limiti dell’assurdo“, “Dai ora tirate fuori il vero film”.

In molti infatti, suggeriscono che sarebbe stato meglio inserire in lista First Man . La pellicola del regista Damien Chazelle con Ryan Gosling nei panni dell’astronauta Neil Armstrong è la grande esclusa di queste nomination, quantomeno per le statuette maggiori: il film è candidato infatti solo in quattro categorie “tecniche”, ovvero montaggio sonoro, mix audio, scenografia ed effetti visivi.

Ma a far discutere sono anche le 8 nomination portate a casa da A star is Born, la pellicola che segna l’esordio alla regia di Bradley Cooper e che vede Lady Gaga come protagonista. E proprio Gaga è stata candidata nella categoria “migliore attrice protagonista”, altra scelta che ha indignato non poco sui social: “Nemmeno Angelina Jolie è mai stata nominata come miglior attrice protagonista”, scrive infatti qualcuno (anche se l’attrice è stata nominata come miglior attrice per Changeling, ndr). “Ma che sostanze hanno assunto prima di fare le nominations”, ribadisce un altro. ma c’è anche chi fa dell’ironia: “Dopo Lino Banfi all’Unesco non mi stupirebbe Lady Gaga vincitrice del premio come miglior attrice protagonista“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oscar 2019, le nomination: 10 candidature per Roma e The Favourite. C’è anche Lady Gaga

prev
Articolo Successivo

Fabrizio Corona lancia il suo movimento politico: “Salvini? Roba da prenderlo e mandarlo in galera, io prenderei 100 volte i suoi voti”. Poi legge il suo testamento

next