I circoli Pd del Municipio 5 di Milano (Bellezza, Gratosoglio, Vigentino e Open Bocconi) si sono riuniti per ascoltare le presentazioni delle mozioni dei cinque candidati alle primarie in vista del voto. Gli iscritti, nonostante auspichino maggiore unità nel partito, sono sembrati spaccati almeno quanto i relatori: Ada Lucia De Cesaris (ex sindaca del capoluogo) e sostenitrice della mozione Richetti-Ascani se l’è presa con Filippo Barberis (capogruppo dei dem in Consiglio comunale e sostenitore della mozione Martina); Barberis se l’è presa con Pierfrancesco Majorino (assessore alle Politiche sociali e sostenitore della mozione Zingaretti) che a sua volta ha criticato De Cesaris; poi tutti hanno protestato quando il sostenitore della mozione Corallo, Davide Jin, ha tirato di nuovo in ballo il “metodo Burioni”. Alla fine degli interventi dei politici, un militante è salito sul palco e li ha contestati tutti: “Non avete presentato le mozioni, siete stati troppo vaghi. Io le ho lette, sono molto precise”.
Per gli iscritti, in sostanza, le divisioni sono ancora troppe: “Bastavano due candidature” ha detto qualcuno. Mentre un grosso problema resta la partecipazione dei giovani: “Eh, ma come si fa?” si è domandata una signora.
La Commissione congresso, nel frattempo, ha deciso di non diffondere i dati parziali (su scala nazionale) dei vari circoli. Eppure qualcosa, tra indiscrezioni, tensioni e smentite, è già uscito: Nicola Zingaretti sarebbe in testa con più del 45% dei voti, seguirebbero Maurizio Martina con circa il 35% e Giachetti-Ascani al 12%; più indietro Francesco Boccia (circa il 5%), Maria Saladino e Dario Corallo sotto l’1%. Si vota, nei circoli, fino al 23 gennaio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, iscritti milanesi bocciano il dialogo col M5s: “Incapaci, la loro non è politica”. E su Renzi: “Tra 5 anni lo rivedremo”

prev
Articolo Successivo

Cesare Battisti, lista di 30 terroristi sul tavolo di Salvini: il governo vuole riportarli in Italia

next