Sei anni e 195 puntate dopo, Tiki Taka lascia Italia 1 per approdare su Canale 5. Con la ripresa del campionato infatti, il programma sportivo condotto da Pierluigi Pardo si “incontrerà” con Pressing (assorbendolo di fatto) e andrà in onda la domenica sera sulla rete ammiraglia di Mediaset, dando vita così a una nuova seconda serata. E pensare che neanche un mese fa si vociferava una possibile chiusura del programma, a causa di un taglio dei costi. “La speranza, l’augurio e l’obiettivo è tornare a gennaio. Sennò ci vediamo tranquillamente a Ponza“, aveva detto il conduttore in chiusura dell’ultima puntata di dicembre.

“Il talk show sportivo condotto da Pierluigi Pardo negli anni si è confermato, sia in termini di ascolto sia di rilevanza sui social, come il più seguito e chiacchierato in Italia – sottolinea in una nota Mediaset – e, da domenica 20 gennaio, traslocherà sulla rete ammiraglia con l’obiettivo di rimanere il punto di riferimento per tutti gli appassionati di calcio e non solo”.

Per farlo, da un lato manterrà lo spirito critico e di approfondimento, dall’altro darà ampio spazio all’attualità, assicurando una sintesi accurata del turno di campionato, con tutti i gol e gli highlights dei match di Serie A, la moviola, i collegamenti con i campi e i commenti dei protagonisti. Il tutto raccontato con il ritmo di Pierluigi Pardo, affiancato da Wanda Nara, moglie e procuratrice di Mauro Icardi. Ospiti fissi in studio Giampiero Mughini e Ciro Ferrara, ma, come sempre, il salotto di Tiki Taka sarà aperto anche a tifosi vip e giornalisti non sportivi che prenderanno parte al dibattito sul weekend di campionato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza: “Salvini è l’Arturo Brachetti del Viminale”. Poi indossa i panni del ministro: “Un bacione agli artigiani della Finanza”

next
Articolo Successivo

C’è Posta per te, l’amore tra due ragazze osteggiato dalla famiglia sarà protagonista dello show di Maria De Filippi

next