Rimanere invalidi per l’acquisto di un iPhone. A riportare la storia del giovane cinese Xiao Wang è il corriere.it. Sette anni fa Wang avrebbe infatti venduto un rene per comprarsi un iPhone 4 ed oggi si ritroverebbe a letto malato senza potersi più muovere. La vicenda originale è stata tratta dal sito web Oriental Daily che l’ha pubblicata poco prima di Natale. Testata che, a sua volta, ha riassunto in un articolo il materiale che si può seguire su un video apparso su Youtube nell’aprile 2018.

In pratica Wang vedendo attorno a sé i compagni di scuola con il nuovo modello dello smartphone Apple, e non potendo la sua povera famiglia comprarglielo, avrebbe cercato un modo per ottenere i soldi sufficienti (Oriental Daily segnala una cifra di 22mila yuan circa 2800 euro ndr) per l’acquisto di un prodotto in quei giorni, in Cina, molto di moda. Scoperto che poteva vivere con un rene solo, il ragazzo sarebbe partito da Chenzou nello Hunan per poi farsi operare ad Anhui, una provincia molto povera del Nord-Est. Ovviamente la clinica era clandestina e un gruppo di malviventi ha gestito l’affare. Solo che Wang uscito dalla sala operatoria ha iniziato a sentirsi male e da quel giorno ha cominciato a soffrire di insufficienza renale che l’ha reso oggi completamente invalido. Un solo dettaglio ci permettiamo di sottolineare a margine, ma neanche tanto, di questa vicenda. Nel video su Youtube in cui viene raccontata la storia per immagini, ad un certo punto, dopo diversi iPhone 4, sbucano dei meravigliosi spot dei modelli “autoctoni” di smartphone Huawei…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rihanna, le foto per pubblicizzare la sua collezione di intimo edizione San Valentino mandano in delirio i fan

prev
Articolo Successivo

Omicidio Meredith, nessun museo del crimine nella villetta dove fu uccisa: “È ancora in vendita, abbiamo anche ribassato il prezzo”

next