Il tasso di disoccupazione scende al 10,5 per cento a novembre 2018, secondo i dati provvisori dell’Istat che registra un calo di 0,1 punti percentuali da ottobre e di 0,5 punti da novembre 2017. “Torna a calare – osserva l’istituto di statistica – dopo due mesi di crescita, la stima delle persone in cerca di occupazione (-0,9 per cento, pari a -25mila unità). Il calo si concentra prevalentemente tra le donne e le persone da 15 a 34 anni”. I disoccupati sono 2 milioni 735mila. Il calo della disoccupazione è compensato dall’aumento del tasso di inattività, al 34,3 per cento (più 0,1 punti percentuali). Più in particolare il tasso di disoccupazione giovanile, a novembre 2018, scende al 31,6 per cento. La flessione, nella fascia di età 15-24 anni, è di 0,6 punti percentuali da ottobre e di 1,5 punti da novembre 2017.

L’Istat stima il numero degli occupati sostanzialmente stabile rispetto a ottobre, con un tasso di occupazione fermo al 58,6 per cento nei dati provvisori. Su base mensile, come già ad ottobre, l’andamento degli occupati è sintesi di un lieve aumento dei dipendenti permanenti (più 15mila) e una diminuzione di quelli a termine (meno 22mila). Cresce l’occupazione maschile, mentre cala quella femminile. “I dati relativi a novembre confermano un quadro di sostanziale stazionarietà dei livelli occupazionali”, è il commento dell’istituto di statistica, che sottolinea come nella media degli ultimi tre mesi l’occupazione registri “una leggera flessione rispetto al trimestre precedente”. “Nell’arco dei dodici mesi – aggiunte l’Istat – la crescita occupazionale rimane positiva anche se molto ridimensionata rispetto ai mesi passati, spinta soprattutto dai dipendenti a termine e concentrata tra gli ultracinquantenni”.

Su base annua, l’occupazione cresce di 99mila unità (più 0,4%), l’incremento minore da maggio 2015. “L’espansione – spiega l’Istat – interessa solo gli uomini e i lavoratori a termine (più 162mila); risultano lievemente in crescita gli indipendenti, mentre si registra una flessione dei dipendenti permanenti (meno 68 mila)”. Nell’anno aumentano esclusivamente gli occupati over50 (+275 mila). L’Istat registra una flessione tra i 15-49enni (meno 175 mila) che però è dovuto alle dinamiche demografiche. Al netto della componente demografica emerge un segno positivo per l’occupazione in tutte le classi di età.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, giovani medici contro la Regione: “Nuova legge sul 118 ci penalizza”. L’assessore: “Non sanno leggere il decreto”

next
Articolo Successivo

Pmi, volete digitalizzare? Ecco un team di esperti. Ma non è chiaro come possano candidarsi

next