Samantha Grant, la sorellastra di Meghan Markle, è finita nella lista nera di Scotland Yard. Il motivo, secondo il Times, è che la donna è stata considerata pericolosa e “ossessiva” nei confronti della Duchessa e della Famiglia Reale dopo le sue recenti uscite. Così,è stata segnalata all’attenzione del reparto speciale per la sicurezza, il Fixated Threat Assessment Centre, che ha il compito di proteggere politici e reali da individui che possono ossessionarli, perseguitarli o minacciarli. Samantha ha 53 anni è un’ex modella: lei e la sorellastra non hanno più rapporti dal 2015.

A far scattare il provvedimento nei suoi confronti è stato il fatto che nell’ottobre del 2018 Samantha si è recata a sorpresa a Buckingham Palace con una lettera in mano, chiedendo di essere ricevuta da Meghan: le guardie reali erano prontamente intervenute per allontanarla. La donna, poi, è stata sorpresa dai paparazzi in un negozio mentre indossava una maschera con il volto del principe Harry. Tutto questo dopo le dichiarazioni sconcertanti che aveva rilasciato nelle settimane prima del matrimonio tra Meghan e Harry, che avevano messo in imbarazzo la regina Elisabetta: subito dopo l’annuncio del fidanzamento ufficiale aveva infatti accusato la sorellastra Meghan di essere un’arrampicatrice sociale e di voler sposare il principe Harry solo per convenienza. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gianfranco Vissani contro Alessandro Borghese: “Si diverte a fare tv, ma non è uno chef”

next
Articolo Successivo

Ornella Muti torna in tv ma scoppia la polemica per il bacio gay su Rai1. Adinolfi: “Porcherie in prima serata”

next