Ornella Muti torna in tv con un ruolo da protagonista in Wine to love – I colori dell’amore, il film in onda venerdì 4 gennaio alle 21.25 in prima visione su Rai1. Una storia romantica, ambientata nello scenario lucano del Vulture, che racconta dell’ascesa di un’azienda vinicola familiare, il cui successo arriva fino negli Usa. Anna, il personaggio interpretato da Ornella Muti, si trova a vivere un’intreccio di storie, tra la passione per la propria terra d’origine e quella per la persona amata. Fin qui tutto come da copione della prima serata di Rai1, se non fosse che ad un certo punto compare un bacio gay tra due uomini che ha subito scandalizzato il Popolo della Famiglia e il suo presidente, Mario Adinolfi. 

Sarebbe questa la Rai del cambiamento nel 2019, quella in cui le porcherie si spostano da Rai3 a Rai1 in prima serata?”, hanno tuonato le varie appendici locali del movimento conservatore ultracattolico in un comunicato in cui chiedono al presidente Marcello Foa di rimuovere la scena del “lungo e insistito bacio tra uomini”, vista in anteprima al cinema il 18 dicembre. “Non siamo sessuofobici, ma come Popolo della Famiglia crediamo che la bellezza del sesso viva di intimità, pudore, nascondimento persino”, ha detto Adinolfi. “E soprattutto – continua – non vogliamo essere costretti dalla tv a imbatterci in temi delicati per i nostri bimbi, che necessitano i tempi e i modi che ogni famiglia ritiene di dover adottare, senza farseli dettare dalle marchette tra Rai Cinema e la nota lobby”. “Unico altro film pronto è Il giorno più bello – conclude -: indovinate un po’, storia di un ‘matrimonio’ tra maschi“. Da Viale Mazzini, comunque, non è arrivato nessun commento alle parole di Adinolfi e il film andrà in onda regolarmente questa sera, compresa la sequenza incriminata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Meghan Markle, la sorella Samantha Grant è finita nella lista nera di Scotland Yard

prev
Articolo Successivo

Nonna “porno” chiama “I Lunatici” e racconta: “Io e mio marito facevamo l’amore guardando i film di Rocco Siffredi, ora sono sola e cerco compagnia”

next