E’ continuata anche nei giorni festivi l’attività investigativa sul caso dell’aggressione ultrà del 26 dicembre scorso prima di Inter-Napoli, a Milano, che ha portato alla morte di Daniele Belardinelli. Gli uomini della Digos infatti stanno sentendo decine di tifosi, per arrivare all’identificazione dei partecipanti ai disordini. Dopo i riconoscimenti effettuati grazie alla riprese video delle telecamere stradali o, come in questo caso, di video amatoriali, gli ultras che erano a volto scoperto o che sono stati comunque riconosciuti vengono convocati in via Fatebenefratelli e sentiti.

E se emergono conferme vengono indagati e la loro posizione segnalata in Procura per le decisioni dell’autorità giudiziaria. Nel pomeriggio di mercoledì è stato sentito anche Marco Piovella, leader della curva nerazzurra che ha partecipato agli scontri, e nei prossimi giorni anche di Luca Da Ros, che ha fatto il suo nome. La polizia continua anche la ricerca del pirata o dell’ultrà alla guida del veicolo che ha investito la vittima durante i tafferugli, mentre si attende l’autopsia per capire le esatte cause della morte di Belardinelli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tifoso interista morto, l’avvocato di Piovella: “Si è avvalso della facoltà di non rispondere. Chiesto modifica della custodia cautelare”

next
Articolo Successivo

Tifoso morto, sequestrata auto a Napoli: “Ha investito Belardinelli”. Altre 2 trovate

next