Il tonno, senza tonno. Non è un nuovo numero del mago Silvan ma un prodotto vegano che sta spopolando negli Stati Uniti. Si tratta di Tuno (dall’inglese “no tuna”, ovvero “niente tonno”) ed è un alimento a base di proteine vegetali. A realizzarlo è la Loma Linda ell’Atlantic Natural Foods. Tuno è spalmabile ed è disponibile in sei varianti. I commenti sotto ai post dell’azienda produttrice sono tutti positivi e in tanti si chiedono quando questa novità alimentare arriverà in Europa. Un’altra novità vegana che invece è già disponibile in Italia è I sea bacon, ovvero il bacon senza bacon: un prodotto a base di alghe che fritte danno lo stesso gusto della pancetta, prodotto da Seamore. Insomma, il mercato alimentare vegano si allarga sempre di più con nuovi prodotti e gusti.

 

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Iannone, sequestrata la Bentley da 400mila euro

next
Articolo Successivo

Masterchef, continua la gara tra “le star” delle scorse edizioni. Ma mancano tanti volti amati, come Rachida: ecco perché

next