Le cucine del “cooking show da record”, come lo definiscono in quel di Sky, si sono ufficialmente riaperte giovedì scorso. Stavolta però tra i fornelli di MasterChef non ci sono più chef amatoriali alle prime esperienze, bensì le “star” che hanno glorificato le sette edizioni finora andate in onda su SkyUno. Spetta a Bruno Barbieri e ad Antonino Cannavacciuolo decretare il “masterchef” dei “masterchef”, coadiuvati a rotazione da Antonia Klugmann, Joe Bastianich, Iginio Massari e la new entry di MasterChef 8 (in onda dal 17 gennaio) Giorgio Locatelli.

Tra una Mistery Box e un Invention Test, a contendersi lo scettro del migliore di sempre sono il romano Danny D’Annibale dalla prima edizione, l’estroso copywriter Maurizio Rosazza Prin con Ivan Iurato dalla seconda edizione, Michele Cannistraro e l’ex ufficiale dei Carabinieri Almo Bibolotti in rappresentanza della terza, il “belloccio” Simone Finetti dalla quarta, addirittura in tre (Rubina Rovini, Maradona Youssef e Alida Gotta) per la quinta stagione e Alberto Menino per l’ultima. Accontentare tutti i fan con i propri preferiti sarebbe stato difficile, lo sappiamo, ma c’è qualche assenza che “pesa”. Come quella di Rachida Karrati, l’amatissima marocchina che ha tenuto banco nella terza edizione (e che poi ha partecipato a L’Isola dei Famosi). In qualche modo, però, la simpatica concorrente che ha fatto la storia con un piatto prosciutto e melone ci sarà. Come? Sarà ospite di una delle prossime puntate. «In tantissimi mi hanno chiesto perché non facessi parte del cast ufficiale e continuano a chiedermelo, ma io non so cosa rispondere se non che è stata una scelta della produzione. Il mio essere molto diretta a qualcuno può non piacere e forse ha fatto paura questo lato del mio carattere. Peccato perché ci saremmo divertiti tutti invece», ha raccontato Rachida a ilfattoquotidiano.it. «Se mi è stato chiesto di partecipare come ospite ad una delle puntate e non come concorrente del cast ufficiale, significa che doveva andare così. Inoltre quando hanno cominciato a registrare le prime puntate di MasterChef All Stars, io ero ancora in Marocco, avevo da rispettare degli impegni e non avrei potuto accettare».

Già, il Marocco, proprio dove Rachida è tornata a vivere per qualche tempo dopo essere stata investita dall’ondata di popolarità televisiva. «Sentivo il bisogno di staccare la spina, di rigenerarmi e di ritrovare quei valori a me tanto cari come la famiglia e le relazioni con gli amici di sempre. Lì ho intervallato momenti di relax con esperienze di lavoro sempre come testimonial e ospite per serate in Marocco e in Turchia. E poi ho utilizzato questo tempo per realizzare il mio sogno più grande: portare aiuto alle persone meno fortunate. Ho fatto frequenti viaggi in Iraq e Siria visitando piccole associazioni che si occupano di sostenere chi è nel bisogno e ho dato il mio contributo economico e morale. Da qualche giorno sono tornata in Italia perché ne avevo nostalgia e l’idea è quella di fermarmi», ha rivelato.

«C’è stato un periodo dove era quasi impossibile condurre una vita normale: dovunque andassi la gente mi fermava per abbracciarmi, per fare una foto e per chiedermi tante curiosità su quello che avevo visto in tv. E ancora oggi succede la stessa cosa; ho trascorso gli ultimi due anni all’estero e pensavo che la gente si fosse dimenticata di me e invece ma sbagliavo. Anche oggi mi fermano, vogliono fare una foto insieme e i più coraggiosi mi chiedono qualcosa sulle mie esperienze in tv. E pensare che io pensavo di risultare antipatica», ha proseguito nel suo racconto Rachida. «La popolarità mi ha regalato molto affetto e simpatia da parte della gente comune. Pensando invece a cosa mi ha tolto, forse la popolarità mi ha rubato la piena fiducia che ho sempre riposto nel prossimo. Sono stata infatti contattata più volte da personaggi professionalmente discutibili che volevano fare business facile sfruttando la mia persona. Potessi tornare indietro, non lavorerei più con una persona che per un periodo di tempo è stato il mio agente e che ha dimostrato solo di volermi sfruttare a livello economico. E sarei meno ingenua nei confronti di certi personaggi dello spettacolo che dicevano di essere “amici” e poi hanno messo sempre davanti a tutto il denaro e la fama».

Oggi in tv si vede meno, ma lei resta aperta a tutte le possibilità. «Quando qualcuno mi chiede perché nell’ultimo anno e mezzo non mi si è vista in tv ospite o come opinionista di qualche trasmissione, rispondo la verità: perché ero impegnata a lavorare e perché nessuno mi ha mai invitato. Oggi mi piacerebbe continuare ad essere una donna fiera di quello che sono e se ciò fosse avvenisse anche grazie alla tv, lo farei volentieri. Ma il presenzialismo a tutti i costi anche solo per apparire pochi secondi in tv, non mi interessa. Cosa mi piacerebbe? Anche un piccolo spazio dove svelare alla gente qualche ricetta veloce della tradizione marocchina rivisitata in stile italiano, potrebbe essere un’occasione divertente. Insomma, mai dire mai»

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tuno, arriva il “tonno senza tonno”: dopo la pancetta di alghe, ecco la novità vegana che spopola negli Usa

prev
Articolo Successivo

Mara Venier, la foto in spiaggia a Santo Domingo scatena gli hater: “Poteva andare a Sant’Egidio”. Lei: “Ma deve rompermi le p*** anche a Natale?”

next