Sequestrata alla dogana con la Svizzera la Bentley di Andrea Iannone. A dare la notizia è La Provincia di Como. Il motivo del sequestro dell’auto da 400mila euro? La violazione della convenzione di Istanbul. La Bentley ha targa svizzera ed è permesso guidarla nell’Unione Europea senza dover assolvere a formalità doganali per soli sei mesi (anche non consecutivi), ed inoltre a bordo, per poter circolare, deve essere presente il proprietario o un suo parente fino al terzo grado. In questo caso a guidare la macchina era invece il preparatore atletico di Iannone, Stefano Palasca. Al motociclista, ex di Belen Rodriguez, è dunque stata contestata una sanzione amministrativa ed è stato effettuato il sequestro del mezzo. Chissà se il pilota potrà “sopportare” di passare un Natale senza Bentley.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Safia Askarova, giovane promessa del nuoto uccisa con trenta coltellate

next
Articolo Successivo

Tuno, arriva il “tonno senza tonno”: dopo la pancetta di alghe, ecco la novità vegana che spopola negli Usa

next