Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto fare gli auguri di compleanno a Piero Angela, come si legge in un twit del Quirinale. Il padre della divulgazione scientifica in Italia, compie infatti oggi 90 anni. Nato a Torino il 22 dicembre 1928, con i suoi tanti programmi ha fatto la storia della televisione nel nostro Paese. “Dovremmo investire molto di più – spiega Piero Angela in un’intervista – nell’educazione innanzi tutto. Spendiamo molto, in particolare per le persone anziane, ma in proporzione molto poco per l’educazione, per la ricerca, per l’innovazione e per tutto quello che rappresenta il motore dello sviluppo moderno”.

Il rischio è quello di “perdere la corsa con le nuove tecnologie che stanno rivoluzionando ogni aspetto della politica, del lavoro e soprattutto dell’economia. Chi non cavalca questa prorompente rivoluzione rimane indietro. Allora se il Paese vuole continuare a essere avanzato, deve investire in questi campi”.  Ma come festeggerà questa giornata Piero Angela? “Nella mia casa a Roma, davanti a nipoti e nipotini, mi esibirò al piano con un gruppetto jazz di ultra ottantenni. ‘Vecchietti’, jazzisti come me, che hanno sempre il piacere di ritrovarsi e fare insieme buona musica. E suoneremo ciò che amiamo da sempre”.

“Mio padre è una persona dotata di un senso dello humor pazzesco. Siamo sempre stati amici nella risata. E non lo dico perché sono suo figlio, ma lui è entrato in Rai agli inizi degli anni 50, quando non c’era ancora la televisione, era alla radio, e dopo più di 60 è ancora qui in prima serata. Trovi un’altra persona come lui in Italia e nel mondo? Secondo me no”. Con queste parole piene di affetto e ammirazione, il figlio Alberto Angela ha commentato la ricorrenza. “È veramente un patrimonio della nostra televisione, lo dico non come figlio ma come collega. È una persona che ha accumulato tutto questa esperienza e saggezza e la restituisce”, dice il divulgatore e conduttore tv.

Piero Angela ha iniziato la sua carriera giornalistica come cronista radiofonico. Con il suo talento nel rendere semplice ciò che è complesso ha saputo creare un rapporto speciale col pubblico. Il suo entusiasmo e la sua voglia di mettersi in gioco restano gli stessi a 90 anni, come il suo grande amore per tutti i campi della scienza e per la ricerca e la voglia di trasmettere queste passioni ai milioni di spettatori che lo hanno sempre seguito. Per l’occasione, la Rai gli ha dedicato una programmazione speciale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sant’Anna di Stazzema, Benigni testimonial dell’Ostello della Pace: sale lettura e stanze emozionali nella casa della strage

prev
Articolo Successivo

I musei sono macchine da soldi? Tre luoghi comuni da sfatare

next