I vertici di una società di calcio, quotata in borsa, hanno percorso 570 chilometri “per lamentarsi” di un articolo con il direttore del principale quotidiano economico italiano. Gli stessi avallano il diniego dell’accredito stampa a una radio nazionale per come ha trattato l’inchiesta giudiziaria della Procura di Roma su Eurnova e i presunti episodi corruttivi legati all’iter autorizzativo dello stadio di Tor di Valle. Lo certifica l’Ordine dei Giornalisti del Lazio, che con un provvedimento di “avvertimento” nei confronti del capo ufficio stampa del club, ha censurato il “rapporto distorto attualmente esistente tra l’As Roma e la stampa intesa nel suo complesso”.

L’INCONTRO A MILANO – È nelle motivazioni riportate nella “sentenza” firmata dal consigliere segretario, Marco Mele, il racconto dell’episodio più controverso. L’11 ottobre 2018, il Sole 24 Ore pubblica un articolo, a firma del giornalista Gianni Dragoni, dal titolo “As Roma in rosso con debiti da 220 milioni”. Al servizio non segue una richiesta di rettifica di legge ma una replica “ufficiosa”, pubblicata su alcuni siti sportivi, tanto che il giornale di Confindustria non torna più sull’argomento. Dal documento dell’Ordine, si apprende come “una delegazione di dirigenti dell’As Roma abbia chiesto e ottenuto udienza presso il direttore del Sole 24 Ore per lamentarsi dell’interpretazione data nell’articolo dal suo giornalista, invece di inviare la prevista richiesta di rettifica, peraltro di pubblicazione obbligatoria”. Un comportamento da parte della Roma, scrive l’ordine, “ritenuto inidoneo e sintomo di un ‘modus operandi’ nei confronti del lavoro giornalistico quanto meno sconveniente”. Va considerato che la società giallorossa è quotata in borsa e che Il Sole 24 Ore è uno degli organi di stampa di riferimento degli operatori finanziari italiani.

TAMBURINI MINIMIZZA – Conferma l’incontro ma tende a minimizzare l’episodio il direttore del Sole, Fabio Tamburini: “Non sono venuti per lamentarsi – spiega a IlFattoQuotidiano.it – Lo scopo era quello di conoscermi, visto che ero diventato direttore da poche settimane. Certo, devo dire che non erano contenti dell’articolo di Gianni e me lo hanno rappresentato, ma niente di più, tanto che non l’ho nemmeno detto al mio giornalista. Se ho subito pressioni? Assolutamente no, e comunque le avrei rimandate al mittente”. La versione di Tamburini è confermata dal capo ufficio stampa giallorosso Luca Pietrafesa: “La Roma non ha commentato l’articolo di Dragoni in nessun modo – ha detto – Abbiamo incontrato il direttore del Sole 24 Ore perché era cambiato e in quella occasione si è parlato anche dell’articolo e del fatto che il giornalista poteva essere stato superficiale nell’esporre alcuni dati, ma non fino al punto di organizzare un incontro per lamentarsi”.

IL CONTENZIOSO CON RADIO RADIO – Il ricorso era stato presentato da Furio Focolari, direttore di Radio Radio – storico network capitolino che ormai, grazie alle piattaforme digitali e satellitari, trasmette in tutta Italia – i cui giornalisti, all’inizio del campionato di Serie A 2018-2019, si erano visti respingere l’accredito alla prima partita casalinga della Roma contro l’Atalanta e, da lì in poi, “per qualunque evento promosso dall’As Roma”. Un’esclusione pesante per una radio che si occupa principalmente di sport. La motivazione, comunicata dal capo ufficio stampa Pietrafesa, stava nella “vostra scelta di rendere pubblici atti processuali privi di qualunque rilevanza ai fini dell’indagine condotta sulla società Eurnova dalla Procura di Roma, nel giugno scorso”. Dalla carte dell’inchiesta, infatti, emergeva come il direttore generale dell’As Roma, Mauro Baldissoni – non indagato, come l’As Roma – il 18 maggio 2017, si confrontasse con Simone Contasta – uno dei collaboratori di Luca Parnasi – “sull’utilità di cedere all’avvocato Lanzalone dei biglietti per la partita di calcio Roma-Genoa, individuando l’avvocato genovese come una figura importante nei rapporti con il Comune di Roma e il Movimento 5 Stelle in genere”; “uno di questi è funzionale a favorire una specie di photo opportunity accordo… Raggi Zingaretti Pallotta”, dice il dg giallorosso nell’intercettazione.

I PRECEDENTI CON L’EMITTENTE – Va detto che fra l’As Roma e Radio Radio c’erano stati dei precedenti. In una lettera inviata da Pietrafesa alla redazione, il responsabile della comunicazione racconta che “in due diverse occasioni avevamo accolto le vostre scuse in seguito a pesanti insulti (cito testualmente: “figlio di puttana” e “buffone”) rivolti a tesserati dell’As Roma. Nella sua difesa davanti al Consiglio di disciplina dell’Ordine, il giornalista ha anche aggiunto che “preferisco accreditare un giornalista che sa stare al suo posto, come quello di Porta Portese – giornale romano che si occupa esclusivamente di annunci, ndr – pur non scrivendo una riga dell’evento a cui assiste, piuttosto che uno che insulta”. Pietrafesa (che apprende da noi la notizia del provvedimento disciplinare nei suoi confronti) a IlFattoQuotidiano.it conferma: “Ilario Di Giovambattista – uno degli speaker di punta della radio, ndr – in passato aveva dato del ‘figlio di puttana’ a Strootman e del ‘buffone’ a Spalletti. Io avevo già rappresentato all’Ordine dei Giornalisti la deriva di una parte della stampa sportiva romana, con particolare riferimento al mondo radio e web e avevo chiesto strumenti per selezionare l’accesso allo stadio in occasione della parte. Strumenti che non mi sono mai dati”. Inoltre, nell’occasione scatenante “Radio Radio mette in piedi un’operazione terrificante, agli atti dell’ordine, nella quale animano valutazioni in cui si parla addirittura di una ‘Rigopiano in salsa giallorossa’”. “La revoca dell’accredito è un attentato alla libertà di stampa – replica il direttore di Radio Radio, Furio Focolari – Ancor di più il fatto che ci venga negato di raccontare eventi collaterali, come avvenuto tempo fa in piazza di Spagna su invito del Campidoglio. Le nostre emittenti producono ore di talk, abbiamo ospiti i direttori e gli ex direttori dei principali quotidiani sportivi italiani. Non siamo degli sprovveduti o dei dilettanti”.

Riceviamo e pubblichiamo il 22 dicembre 2018

Nel primo capoverso dell’articolo, l’autore sottolinea “Lo certifica l’Ordine dei Giornalisti del Lazio, che con un provvedimento di “avvertimento” nei confronti del capo ufficio stampa del club, ha censurato il “rapporto distorto attualmente esistente tra l’As Roma e la stampa intesa nel suo complesso”. 
In proposito si sottolinea che a termini del D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 14 agosto 2012, n. 189) in attuazione delle previsioni del decreto-legge n. 138 del 2011, competenti per la giustizia disciplinare degli ordini professionali sono in primo grado i Consigli di Disciplina Territoriali. Tali Consigli sono strutturalmente autonomi e indipendenti dagli Ordini di riferimento (nel nostro caso l’Odg Lazio) e delegati al loro compito su decreto del Tribunale. Risulta dunque inesatto e fuorviante affermare ‘lo certifica l’Ordine dei Giornalisti del Lazio’, che nella vicenda non ha svolto come appare evidente nessun ruolo né procedurale né decisorio.
Successivamente, nell’ultimo capoverso relativo al contenzioso aperto da Radio Radio, dal sottotitolo “I precedenti con l’emittente”, si riporta la frase: “Pietrafesa (che apprende da noi la notizia del provvedimento disciplinare nei suoi confronti” .
 In relazione a tale affermazione si sottolinea che tale dichiarazione è inesatta, rectius infondata. Il procedimento relativo al sig. Pietrafesa è iniziato con un esposto pervenuto al Consiglio di Disciplina il 17/09/2018 ed è stato assegnato al collegio di competenza il 25/09/2018. La decisione è stata assunta il 15/11/2018 e la notifica del provvedimento sanzionatorio da parte della cancelleria della Corte d’Appello di Roma è avvenuta come da ricevuta di ritorno agli atti del procedimento, il 28/11/18. Dalla stessa Corte di Appello si è appreso che il sig. Pietrafesa non ha ritirato gli atti relativi notificati al suo domicilio e successivamente non li ha ritirati neppure presso la Casa comunale di Roma dove tale atto è stato posto in giacenza con comunicazione allo stesso destinatario per il ritiro, come da normale prassi. 
Affermare, come fa il sig, Pietrafesa, di aver appreso la sanzione dal vostro spettabile quotidiano, costituisce un palese falso, fuorviante per la corretta informazione e dunque lesivo anche del vostro lavoro. Il suddetto è stato peraltro informato telefonicamente dalla segreteria del Consiglio, da lui stesso contattata lo stesso 20/12, della procedura di notifica esperita senza alcun risultato, verificata anche l’esattezza del domicilio quale destinatario. In tale circostanza, contemporanea all’uscita dell’articolo, il Pietrafesa ha avuto dunque contezza dei termini delle notifiche a lui fatte e da lui inevase e dunque assumendosi la responsabilità di un’affermazione senza fondamento e lesiva del ruolo del Consiglio stesso e dell’Ordine al qualei fa riferimento.  
Il Consiglio, indipendentemente dalle questioni oggetto dell’articolo, ma in riferimento alle affermazioni del sig. Pietrafesa, si riserva di decidere eventuali successivi atti nei suoi confronti quali violazioni palesi delle fondamentali norme di correttezza e onestà che sono a  fondamento della deontologia professionale.
Tanto è dovuto per la correttezza dell’informazione.
Roberto Mostarda 
Presidente del Consiglio Territoriale di Disciplina
c/o l’Ordine dei Giornalisti del Lazio 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rete4, la rivincita di Paolo Del Debbio: Gerardo Greco silurato dopo gli scarsi ascolti di W l’Italia

prev
Articolo Successivo

Editoria, Askanews in sciopero contro ipotesi concordato preventivo: “Luigi Abete non venga meno ai suoi doveri”

next