Il nuovo presidente dell’Antitrust sarà Roberto Rustichelli. Lo hanno annunciato i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Elisabetta Casellati. Rustichelli, entrato in magistratura nel 1992, dopo aver svolto le funzioni giudiziarie a Lagonegro e a Ravenna è stato consigliere giuridico presso la presidenza del Consiglio e vice capo di gabinetto del ministro delle Attività produttive.

E’ stato componente di diverse commissioni ministeriali per l’elaborazione di proposte di modifiche normative in materia di economia e impresa: in particolare, le commissioni per la predisposizione del Codice della internazionalizzazione delle imprese e del Regolamento sull’Alto commissario anti-corruzione. Dal 2013 a oggi ha svolto le funzioni di presidente di collegio del Tribunale delle imprese di Napoli. Ha maturato, inoltre, esperienze professionali in materia di intese, abuso di posizione dominante e operazioni di concentrazione, nonché in materia di violazione della normativa antitrust. Ha svolto attività di docenza, anche universitaria, in materia di diritto commerciale, dell’impresa e di diritto tributario.

Nello scegliere Rustichelli è stato seguito un “metodo nuovo: quello della trasparenza“, ha detto la Casellati. “Abbiamo chiesto ai vari candidati di mandare i loro curricula, avendo sempre presente esclusivamente il merito, secondo quelle che sono le prescrizioni che la legge stabilisce per questa nomina”, ha spiegato, sottolineando che sono stati seguiti i principi di terzietà, competenza tecnica, ed esperienza istituzionale dei candidati.

“Oggi abbiamo fatto qualcosa di eccezionale perché abbiamo creato un metodo che non è mai stato possibile prima”, ha raccontato Fico. Fico ha ripercorso le tappe della selezione dal 14 settembre scorso con l’avviso pubblico, poi trenta giorni per presentare i curricula, quindi la short-list e infine la decisione. “Alla fine siamo arrivati a Rustichelli, che è un magistrato ordinario, con competenza specifica di antitrust”. Si è arrivati con Casellati ad una “scelta totalmente condivisa, sulla trasparenza, sul metodo, sul merito. Non abbiamo il piacere di conoscere personalmente Roberto Rustichelli, che conosceremo a breve” e che, avuta notizia della nomina, “non se l’aspettava”. “Questa è la bellezza di un metodo nuovo”, ha sottolineato il presidente della Camera.