Il 66enne Rick Antosh era a cena al Grand Central Oyster Bar & Restaurant, locale nel pieno centro di New York, a Manhattan, per una rimpatriata con un ex compagno di classe delle superiori quando, ad un certo punto, mentre mangiava il suo piatto di ostriche da 14,75 dollari (poco meno di 13 euro) ha trovato una perla dal valore di almeno 2mila euro. 

“Ho sentito che c’era qualcosa di strano, pensavo fosse un’otturazione o un dente“, ha raccontato l’uomo alla Cbs. Così prendendo quella pallina dura tra le mani si è reso subito conto di qualcosa di anomalo e, chiedendo informazioni al ristorante, è arrivato subito il verdetto: si trattava di una perla. “Lo chef del ristorante ha detto che è lì da 28 anni e questa è la seconda volta che capita“, ha aggiunto Antosh che di quella cena conserverà sicuramente un bel ricorso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antonella Clerici: “La Prova del cuoco? Difficile trovare una ‘goduriosa’ come me. La mia scollatura fa discutere? E’ che io sono dotata”

prev
Articolo Successivo

Spezzacchio, l’albero di Natale romano imbragato per via del forte vento: “Gli cadono le palle, come dargli torto?”

next