“Mi manca molto il contatto quotidiano col pubblico, perché io incontro le persone che mi dicono “con te parlavamo”. Dopo 18 anni è come essere una di casa, di famiglia e questo mi manca”. Così Antonella Clerici, che ha appena firmato un ricettario “Pane, amore e felicità”, racconta al TgZero di Radio Capital la nostalgia per la Prova del Cuoco. “Però dico anche – continua la conduttrice di Portobello – che bisogna sapere quando è il momento di andarsene e lasciare quella acquolina in bocca”. E sul calo di ascolti con Elisa Isoardi al timone? “Ci vuole un po’ di tempo. Certo io sono una molto ‘goduriosa’, molto difficile da sostituire soprattutto per la golosità”.

E qualche parola anche su una foto postata su Instagram che negli scorsi giorni a scatenato i commentatori per via della generosa scollatura: “Ero nel mio camerino – ha commentato – Avevo caldo, perché mi avevano appena fatto il décolleté con il fondotinta. Mi hanno fatto quella foto, l’ho pubblicata, sicuramente non ho pensato alla scollatura. Non è che sono andata in onda così. Io sono molto pudica è che essendo dotata qualsiasi cosa mi metta quella roba lì, ecco, si vede“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Ripasso cartoncini, pronta per @telethonitalia … quest’anno con una particolare emozione nel cuore… ♥️ A tra poco, vi aspetto ! #rai1

Un post condiviso da Antonella Clerici (@antoclerici) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fortnite, “Mi hanno rubato la Carlton Dance”: Alfonso Ribeiro di Willy e il principe di Bel Air fa causa al videogioco

next
Articolo Successivo

Ordina un piatto di ostriche da 13 euro, dentro trova una perla che ne vale almeno 2mila

next