Questa volta la regina Elisabetta non perdonerà facilmente Meghan Markle. La moglie del principe Harry ne ha combinata infatti un’altra delle sue e la sovrana sarebbe furiosa. Nel mirino di Buckingham Palace è finita la sua libera uscita ai British Fashion Awards, occasione in cui è tornata a calcare il palcoscenico vestendo più i panni della diva di Hollywood che non quelli di duchessa del Sussex. Elegantissima con un abito monospalla in velluto nero firmato Givenchy, i capelli raccolti, lo smalto nero (ennesima trasgressione al protocollo reale) e una serie di bracciali d’oro a completare il look, Meghan ha mostrato a tutti il suo pancione ormai al settimo mese di gravidanza.

Se Sua Maestà aveva chiuso non uno, ma entrambi gli occhi sulle spalle (e la schiena) scoperte e anche sullo smalto nero (le altezze reali dovrebbero attenersi ad una manicure rigorosamente naturale, Kate Middleton docet), Elisabetta II non ha potuto proprio perdonare il video-selfie di Meghan con le amiche Clare Waight Keller e Rosamund Pike. I membri della famiglia reale infatti hanno il divieto di partecipare a scatti che non siano in occasione di eventi ufficiali. Figuriamoci se possono concedersi dei video amatoriali in posa con gli amici da pubblicare poi sui social. Tant’è che il video è stato prontamente rimosso dal sito del British Fashion Council ma è rimasta comunque online sul profilo Instagram di Rosamund Pike. Insomma, sembra proprio che in questo periodo Meghan non ne combini una giusta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Repost @yvanfabing The Duchess of Sussex Meghan Markle, @clarewaightkeller & #rosamundpike at the @britishfashioncouncil Awards ? @givenchyofficial

Un post condiviso da Rosamund Pike (@rosamundpike) in data:

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Si lancia dal 14esimo piano ma il paracadute non si apre: muore 15enne. “La madre era sotto e lo incoraggiava”

prev
Articolo Successivo

“Feci sesso con Woody Allen. Avevo 16 anni ma non ho rimpianti”: la rivelazione di un’ex modella

next