Ho avuto una lunga relazione con Woody Allen, iniziata quando avevo 16 anni. Lui non mi ha mai chiesto l’età, ma sapeva che andavo al liceo”. A parlare è l’ex modella Babi Christina Engelhardt, in un’intervista rilasciata all’Hollywood Reporter, in cui rivela la sua relazione con il grande regista all’epoca dei fatti 41enne. Christina, che oggi ha 59 anni, ha raccontato alla rivista che la loro relazione sarebbe durata 8 anni, dal 1976 al 1984: “Quello che mi ha spinto a parlare – dice nell’intervista – è l’occasione di offrire una prospettiva. Non sto attaccando Woody, non si tratta di dire ‘abbattete quell’uomo’. Sto parlando della mia storia d’amore, questa mi ha reso chi sono. Non ho rimpianti”.

Fu lei infatti a prendere l’iniziativa. Lasciò un biglietto sul tavolo di Woody Allen: “Dal momento che hai firmato abbastanza autografi eccoti il mio”. C’era il numero di telefono e il regista, allora 41enne, la chiamò pochi giorni dopo. Allora l’età della maturità sessuale era fissata a 17 anni ma Allen – racconta la donna – non chiese mai la sua età.  La Engelhardt non si definisce vittima di quel rapporto: “Non voglio gettare fango su di lui, racconto una storia d’amore che mi ha fatto diventare chi sono”, dice, anche se il divario di età e di potere fra i due potrebbero essere sufficienti per bollare come tossica quella relazione. Negli anni che seguirono la Engelhardt ebbe anche un rapporto artistico, del tutto professionale, con Federico Fellini. “Un giorno Allen telefonò a Fellini, a Roma, e risposi io. Mi disse: mi hai lasciato per Fellini? Meraviglioso!. Era scioccato che fossi in compagnia del suo mito”.

Oggi Christina Engelhardt è una donna divorziata, madre di due ragazze adolescenti, che vive in un bell’appartamento di Beverly Hills. Il regista ha negato un suo commento sulla vicenda. La Engelhardt racconta ora di quella relazione sulla scia del movimento #Metoo, nato con lo scandalo Weinstein – lo scorso anno – e con le successive denunce a esponenti del mondo di Hollywood, una delle quali, pesantissima, coinvolse lo stesso Woody Allen, accusato dalla figlia adottiva Dylan Farrow di averla violentata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meghan Markle fa infuriare la regina Elisabetta: la moglie del principe Harry nei guai per un selfie trasgressivo

next
Articolo Successivo

Aida Nizar rapinata e aggredita nella notte: la scena è stata ripresa in diretta ma c’è qualcosa che non torna…

next