A quattro mesi dalla tragedia del ponte Morandi c’è una parte di città che, più delle altre, sente il peso del crollo. La sensazione comune, per le strade dei quartieri popolari tra Sampierdarena e la Val Polcevera che hanno visto crescere generazioni “all’ombra del Ponte“, è quella dell’ennesimo tradimento, subito da una zona della città da sempre sacrificata ai grandi “vettori economici”. Così questa parte della città si sente abbandonata, senza tutela, disorientata, muta e in balìa della paura e ancora una volta è chiamata a rimboccarsi le mani e rialzarsi stringendo i denti.

A restituire questa sensazione ci ha pensato la matita di Emanuele Giacopetti, disegnatore classe 1982, nato e cresciuto proprio a Sampierdarena, che ha all’attivo numerose pubblicazioni tra le quali La bolla di Ventimiglia, Il cammello che sputò sul Terzo Reich, Ritorno al Futuro, Do you remember Balkan Route? e la lunga graphic novel che racconta la lotta per la sopravvivenza di un’umanità costretta alla migrazione perpetua, Il Regno Animale, pubblicata nel dicembre scorso per i tipi di Bebért Edizioni. Le quattro tavole, realizzate in questo caso per la testata genovese indipendente Era Superba reinterpretano la storia di Ponte Morandi, vista dalla parte degli operai che hanno contribuito a costruirlo e sotto il quale hanno cresciuto i propri figli tra via Fillak, via Porro e il Campasso. Una “grande opera” ante litteram, costruita sull’onda lunga del boom economico, che ha rappresentato, nelle parole dell’autore, “un sacrificio di tutti, ma per tutti. Le persone sotto, e il progresso sopra. Quel Ponte è stato lasciato crollare, ma noi siamo sempre là sotto”. (Pietro Barabino)

Clicca per ingrandire le tavole

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Qui ci vuole meno spazzatura in discarica

prev
Articolo Successivo

Scaroni derubato a Milano: sottratta valigetta con 10mila euro in contanti

next