È stata la sua passione per le griffe, Gucci e Louis Vuitton in particolare, a mettere nei guai il prete ortodosso Vyacheslav Baskakov, sacerdote della città di Tver, in Russia. L’uomo è stato infatti sottoposto ad un’azione disciplinare da parte della Chiesa ortodossa russa dopo che sul web erano diventati virali i suoi scatti sui social in cui sfoggiava scarpe, borse, ombrelli e ciabatte con il famoso monogramma del brand francese del lusso. Il tutto, ignaro di scatenare un putiferio del genere che per il clamore è rimbalzato immediatamente dalla Russia all’America, finendo al centro di commenti e giudizi negativi.

Così, è stato costretto a chiudere il suo account di Instagram ma questo non ha impedito alle immagini di diventare virali. Tra gli scatti incriminati ci sono foto che immortalano il prete con scarpe Gucci, borse e pantofole Louis Vuitton, in posa come fosse un fashion blogger. Il portavoce del Patriarcato ha fatto sapere che il sacerdote verrà sottoposto a punizioni, probabilmente una specie di corso di rieducazione. Forse per guarirlo dalla sindrome dello shopping compulsivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili