Nonostante i proclami e le richieste di una maggiore rispetto della privacy continua il triangolo mediatico tra Albano Carrisi, Loredana Lecciso e Romina Power tra dichiarazioni e frecciatine. Questa volta è il cantante pugliese a rivelare un suo desiderio: “Natale lo trascorrerò a Cellino con mia madre Jolanda che ha 96 anni. Un po’ dei miei figli sono in giro per il mondo e io starò con chi ci vuole stare. Sono un uomo di pace, cerco di seminare pace anche se non sempre ci riesco. Sarebbe un miracolo se Loredana e Romina volessero festeggiare con me, ma lascio fare agli altri, di certo veti non ne metto”, ha dichiarato al settimanale Chi.

La Lecciso sarebbe convinta, la Power ancora silente: “Giuro che non so cosa abbia deciso, so che prima sarà dalla sorella, mi piacerebbe stare tutti insieme a festeggiare. Sono stagionato, vaccinato a qualsiasi evento, per me ogni giorno deve essere Natale, non puoi volere bene a tutti solo una volta all’anno. A Natale si fermano anche i criminali, i bombaroli, le guerre, e allora perché non farlo sempre?“, ha aggiunto Albano.

Romina, in attesa di una risposta all’invito pubblico per le feste, ha intanto preso un’altra decisione, dal punto di vista professionale: con Albano sbarcherà su Canale 5 per uno show in due puntate. L’appuntamento con “Buon tutto, buona vita”, titolo provvisorio, è al momento fissato, come annuncia Publitalia, per mercoledì 23 e 30 gennaio. Due serate musicali, il racconto della loro vita e della loro carriera con tanti amici e colleghi pronti a omaggiarli.

Tra gli ospiti, fa sapere Tvblog, vedremo Pippo Baudo, gli attori Lino Banfi e Michele Placido e ovviamente tanti cantanti pronti a duettare con la coppia d’oro della musica italiana  i Ricchi e Poveri, Toto Cutugno, Pupo, J Ax, Alex Britti, Roberto Vecchioni, Iva Zanicchi e Mario Biondi. Cosa succederà a Natale in casa Carrisi? La storia, più intricata di una soap, continua.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, Mercato della Solidarietà di Don Mazzi dedicato ad Alessandra Appiano. Appuntamento il 15 e 16 dicembre

prev
Articolo Successivo

Prete appassionato di Gucci e Louis Vuitton finisce nei guai per gli scatti su Instagram con borse e scarpe firmate

next