8.  Il siero per il viso
La crema idratante? Già vista. Il bagnoschiuma profumato? Che noia. Fate felice una beauty—addicted e regalatele un siero per il viso: è il prodotto che fa la differenza, ma anche quello a cui si pensa meno. I più nuovi sono quelli della skincare coreana (li trovate nei negozi MiiN Cosmetics, a partire da 24,99 euro) che si ispirano alla cura maniacale delle donne asiatiche per la pelle. Belli da vedere e avanzati nella formulazione. Oppure quello “energetico” alla vitamina C, di Kiehl’s (57 euro).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Incorporar un aceite facial a nuestra rutina: ¿sí o no? Son muchos los mitos que lo envuelven pero lo cierto es que es el producto estrella si buscas nutrición instantánea, tu piel se ha sometido a mucho estrés o quieres introducir cuidado antiedad en tu rutina. ⠀ Atenta a los de Urang:⠀ ⠀ · VITAMIN OIL SERUM. Contiene aceite de jojoba y de rosa mosqueta y está especializado en el tratamiento de pieles maduras.⠀ · GLOW OIL SERUM. Contiene aceite de girasol, de jojoba y de almendras dulces y está diseñado para pieles secas y toscas.⠀ · BRIGHTENING BLUE OIL SERUM. Indicado para mejorar la hiperpigmentación y apto para todo tipo de pieles. En su fórmula hay aceite de camelia y de candeia, que trabajan para despigmentar las manchas.⠀ Cómo integrarlo: sustituyendo al sérum, mezclándolo con nuestra crema habitual o bien como último paso de la rutina antes de irnos a dormir.⠀ ⠀ #urang #aceitefacial #cosmeticacoreana

Un post condiviso da MiiN Cosmetics (@miincosmetics) in data:

INDIETRO

23 idee regalo al femminile (veramente!) originali per fare un figurone a Natale

AVANTI
Capitoli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Penis facial”, ecco la “tecnica” di Kate Beckinsale, Cate Blanchett, Sandra Bullock per ringiovanire la pelle

prev
Articolo Successivo

20 idee regalo da uomo (veramente!) originali per fare un figurone a Natale

next