Sono a Gallarate da generazioni e possiedono tutti la cittadinanza italiana, ma oggi la loro permanenza nel Varesotto è a rischio. La comunità sinti della città, infatti, è stata appena sgomberata dal campo nomadi in cui vivevano dal 2007. Vengono contestati loro debiti per bollette dell’acqua non pagate e alcune costruzioni non a norma. Lo sgombero è stato fortemente voluto dal sindaco leghista, Andrea Cassani, elogiato per l’azione anche da Matteo Salvini.
La comunità è composta da 90 persone di cui 40 minori che a causa dei disagi di questi giorni hanno avuto difficoltà ad andare a scuola. Nonostante lo sgombero nessun membro della comunità ha intenzione di andarsene da Gallarate: “Sono nato e cresciuto qua: ho fatto tutte le scuole qua e ora lavoro come muratore – racconta Terry, 31 anni – È la mia città e da qui non me ne vado e piuttosto sono disposto a dormire al freddo”.  Per 30 giorni saranno ospitati in un albergo fuori Gallarate a spese del Comune. Al termine di questo periodo per il sindaco la questione sarà chiusa: “Andranno a vivere da qualche altra parte ma qui spazio per campi sinti non ce n’è più”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uber taxi sbarca a Torino, ma i tassisti frenano: “Nessuno aderirà. Offriamo servizio pubblico non siamo mercato”

prev
Articolo Successivo

Breaking Bad a Bergamo, 61enne scopre malattia e inizia a spacciare cocaina: “Soldi servivano per il funerale”

next