Sono a Gallarate da generazioni e possiedono tutti la cittadinanza italiana, ma oggi la loro permanenza nel Varesotto è a rischio. La comunità sinti della città, infatti, è stata appena sgomberata dal campo nomadi in cui vivevano dal 2007. Vengono contestati loro debiti per bollette dell’acqua non pagate e alcune costruzioni non a norma. Lo sgombero è stato fortemente voluto dal sindaco leghista, Andrea Cassani, elogiato per l’azione anche da Matteo Salvini.
La comunità è composta da 90 persone di cui 40 minori che a causa dei disagi di questi giorni hanno avuto difficoltà ad andare a scuola. Nonostante lo sgombero nessun membro della comunità ha intenzione di andarsene da Gallarate: “Sono nato e cresciuto qua: ho fatto tutte le scuole qua e ora lavoro come muratore – racconta Terry, 31 anni – È la mia città e da qui non me ne vado e piuttosto sono disposto a dormire al freddo”.  Per 30 giorni saranno ospitati in un albergo fuori Gallarate a spese del Comune. Al termine di questo periodo per il sindaco la questione sarà chiusa: “Andranno a vivere da qualche altra parte ma qui spazio per campi sinti non ce n’è più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Uber taxi sbarca a Torino, ma i tassisti frenano: “Nessuno aderirà. Offriamo servizio pubblico non siamo mercato”

next