Il cantante Michele Bravi, classe 1994, giovedì 22 novembre è rimasto coinvolto in un incidente stradale mortale a Milano. A quanto si è appreso, giovedì sera era alla guida di un auto noleggiata con un servizio di car sharing nella zona di San Siro quando si è scontrato, in circostanze ancora da chiarire, con una moto di grossa cilindrata guidata da una donna di 60 anni che è deceduta dopo il trasporto in ospedale. “Sono giorni di profondo dolore – dice il vincitore di X Factor del 2013 – questo avvenimento ha sconvolto le vite di tutti coloro che erano legati alla persona che non c’è più e a me”.

Sulla dinamica dell’incidente, avvenuto in zona San Siro, sono in corso gli accertamenti: “Confidiamo nel lavoro della magistratura nella determinazione delle responsabilità del sinistro. Quanto accaduto ha certamente ed intimamente sconvolto le vite di tutti coloro che erano legati alla persona che non c’è più e a Michele”, ha fatto sapere lo staff di Bravi in un comunicato pubblicato sui social.

Intanto l’interprete de Il diario degli errori, ha deciso di sospendere i propri impegni professionali e anche l’intervista già registrata a Verissimo e in programma per sabato pomeriggio non è stata mandata in onda. “Nel riguardo della sofferenza che si sta vivendo, non mi sento di affrontare gli impegni presi in precedenza, i concerti, gli incontri e qualsiasi altra attività mi porti ad espormi. Ho bisogno di fare un passo indietro, lasciare che chi di dovere possa fare il proprio lavoro senza interferenze – ha continuato – Il silenzio è la forma di rispetto a cui affido tutti i miei pensieri”. Tra gli eventi annullati anche i due live, previsti per il 25 novembre a Milano e il 28 a Roma, e le promozioni del suo romanzo. Il suo staff ha fatto sapere che il costo del biglietto verrà rimborsato ma sui social intanto è scoppiata la polemica dopo che alcuni suoi fan l’hanno accusato di aver cancellato i concerti “con troppo poco preavviso“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

X Factor, Anastasio è ‘la fine del mondo’. Gli insegnanti lo usino per spiegare Leopardi

next
Articolo Successivo

Maneskin in concerto a Milano, le fan lanciano i reggiseni. Damiano: “Ao, ma che taglia porti?”

next