“La scuola è aperta a tutti”. Così almeno dice la Costituzione, ma nei fatti per Francesco, studente 16enne autistico del liceo statale “Edmondo De Amicis” di Cuneo, non è così. Dal 18 ottobre, infatti, non mette più piede in classe. Per la scuola il “punto critico è inerente alla sicurezza di tutti: sua, degli insegnanti, dell’intera comunità scolastica e delle persone esterne”. Un caso che ha scatenato la reazione dei genitori ma non solo: online, infatti, sono in tanti ad aver accolto l’appello della madre, Claudia Pirotti, e ad aver lanciato l’hashtag #iosonofrancesco. E lei, nonostante altri due figli di cui prendersi cura, ha deciso insieme al marito di aprire un fronte legale nei confronti della scuola. Tanto che oggi, scrive La Stampa, è previsto un incontro tra i genitori e il provveditore di Cuneo, Maria Teresa Furci, per trovare una soluzione.

“Francesco – spiega la mamma – fino a giugno ha frequentato regolarmente e serenamente la scuola; cinque anni di primaria e quattro anni di secondaria di primo grado. A settembre è passato alla secondaria di secondo grado, alla Edmondo De Amicis di Cuneo. Fin da gennaio siamo stati in contatto con la nuova scuola per preparare al meglio passaggio e inserimento. Purtroppo le cose non sono andate per il verso giusto e il 17 ottobre siamo stati convocati. Ci è stato comunicato che dal giorno dopo Francesco non sarebbe più potuto andare a scuola”.

In realtà nessuno lo ha estromesso dalla classe e in una lettera del dirigente dell’8 novembre “si precisa che questo Istituto non intende assolutamente escludere Francesco”. Parole che non sono seguite ai fatti visto che –  come scrivono gli avvocati Paolo Fortina e Ida Lombi in un messaggio inviato ieri alla preside della scuola e per conoscenza ai vertici del ministero dell’istruzione – “oggi Francesco si trova in periodo di obbligo scolastico” ma “il fatto che non stia frequentando il proprio Istituto scolastico è diretta conseguenza delle scelte sue e dei suoi insegnanti e non certo per volontà o capriccio dei suoi genitori”.

La vicenda ha avuto inizio già nel periodo delle iscrizioni lo scorso anno: la mamma e il papà di Francesco consapevoli della situazione del figlio “hanno immediatamente, e molto pragmaticamente, indicato le problematiche correlate ad una adeguata preparazione dell’istituto, al fine di accogliere nel migliore dei modi possibili Francesco”.

Tuttavia, nonostante le rassicurazioni iniziali, “la scuola – scrivono i legali della famiglia – si è trovata nei fatti del tutto impreparata”. Gli avvocati a quel punto hanno chiesto che venisse formalizzata una dichiarazione di indisponibilità dell’istituto a ricevere Francesco, documento che avrebbe permesso ai genitori di cambiare, eventualmente, istituto scolastico: carta mai arrivata alla famiglia. “Nel verbale dell’incontro del 17 ottobre scorso – spiega la mamma – hanno scritto che la scuola, nella fase sperimentale di inserimento dell’allievo, è andata incontro a continui rischi: il ragazzo si è dimostrato difficilmente contenibile, aggressivo, oppositivo verso la maggior parte delle attività proposte per la sua inclusione in nuovi contesti”.

Oltre alle lettere e ai verbali Claudia, che è musicoterapista, spiega meglio di tante parole la situazione: “La scuola ci ha convocati e nella riunione è emersa la loro incapacità di gestire Francesco. Dal giorno dopo siamo stati costretti a tenerlo a casa. Da quel momento devo lavorare due soli giorni alla settimana e solo grazie al sostegno dell’associazione Fiori sulla luna e della cooperativa Momo possiamo permetterci degli educatori professionali che lo seguono quando non sono a casa. La verità che vale per Francesco ma anche per molte altre famiglie è una sola: il problema della sicurezza esiste ma si pone dove non sono state progettate le cose per bene. È mancata una struttura, un tempo e uno spazio. Lo spazio da dedicare a Francesco era da organizzare per tempo. C’è una progettualità che va rispettata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, un’intera classe delle elementari si fa vaccinare contro l’influenza per proteggere compagna immunodepressa

next
Articolo Successivo

Scuola, giornata nazionale della sicurezza: iniziative in 500 istituti. Ma a Bologna si resta a casa per il freddo

next