A Polignano a Mare, il suggestivo borgo pugliese arroccato su uno scoglio a strapiombo sul mare, è già tutto pronto per il Natale. Sabato 17 novembre è stata infatti inaugurata la rassegna “Meraviglioso Natale”, che ha portato in città spettacoli di luce e un abete che, con i suoi 18 metri d’altezza, promette di essere il più grande di tutta la Puglia. Per accedere al centro storico e visitare il villaggio natalizio, però, è necessario pagare un ticket di 5 euro e passare attraverso dei tornelli che regolano gli accessi: un provvedimento reso necessario per ragioni di sicurezza che subito ha sollevato le polemiche. Sui social prevale infatti il dissenso e qualcuno invita addirittura a boicottare l’iniziativa: in molti si lamentano delle lunghe code per acquistare la card e entrare nel centro storico, altri invece si chiedono se sia giusto limitare l’accesso di uno spazio pubblico. A far discutere poi, è l’incertezza legata al fatto di dover pagare il ticket d’accesso una tantum oppure per ogni ingresso. Entusiasmo invece tra le associazioni di albergatori e commercianti.

Secondo quanto scritto dalla Gazzetta del Mezzogiorno il provvedimento sarà attivo infatti tutti i week end, a partire da questo, fino al fine settimana dell’8 dicembre. Poi la regola varrà tutti i giorni fino al 6 gennaio e, essendo ricaricabile, sarà anche l’unico modo per acquistare i prodotti dei mercatini e di visitare le attrazioni natalizie installate dal Comune per le festività. L’iniziativa nata per rilanciare il turismo invernale nella città Natale di Domenico Modugno rischia però di trasformarsi in un boomerang: “Che è Venezia?“, scrive infatti qualcuno su Twitter. “Modugno si starà rivoltando nella tomba” dice un altro. Ma non manca chi, dopo aver visitato gli addobbi del centro storico, ha commentato entusiasta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nadia Toffa: “Non so se la chemio mi guarirà, ma state lontani dai guaritori mascalzoni”

prev
Articolo Successivo

Antonella Clerici rivela le difficoltà per rimanere incinta: “Mi facevo le punture prima di andare in onda”

next