“La chemio non so se mi guarirà ma di certo non mi ucciderà. State lontani da questi mascalzoni”. Nadia Toffa ha voluto mettere in guardia i suoi fan dalle cure “alternative” contro il cancro e lo ha fatto riferendosi alla sua situazione personale. La conduttrice ha condiviso infatti sul suo profilo Twitter la storia di una sedicente guaritrice che sostiene di aver curato malati con la sola imposizione della mani raccontata in un servizio de Le Iene andato in onda domenica sera. La posizione di Nadia nei confronti di questi personaggi che definisce “mascalzoni” è netta: sono“pericolosissimi”, scrive.

Da quasi un anno ormai, Nadia sta combattendo contro il tumore, raccontando sui social la sua battaglia senza mai vergognarsi di mostrare gli effetti della chemio. Ora che i capelli le stanno ricrescendo, la “iena” ha voluto ribadire ancora una volta l’importanza di sottoporsi alle cure tradizionali contro questa malattia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Circo senza animali: è una grande conquista! Ora il passo decisivo

next
Articolo Successivo

Polignano a Mare, tornelli e ticket da 5 euro per entrare nel centro storico addobbato per Natale: scoppia la polemica

next