Ospite di Mara Venier a Domenica In, Antonella Clerici ha raccontato la sua vita di mamma, rivelando per la prima volta anche le difficoltà per rimanere incinta: “Sì ho voluto fortemente diventare mamma, facevo cure pazzesche. Sono testona, mi facevo le punture sulla pancia prima di andare in onda. Prima di Maelle avevo perso un bambino, ma sono tenace e positiva e sapevo che sarebbe successo”. Ora Maelle ha nove anni ed è “una bambinona socievole, allegra, ma educata in modo semplice – ha raccontato la bionda conduttrice -. I rapporti con il papà Eddie sono buoni, ha una fidanzata che mi piace molto. Vivono a Bruxelles e lei vuole bene alla mia bambina, sono contenta quando va a trovarlo specie se c’è Carmen. È brava a scuola, pigra come la mamma e mangiona: ha mangiato un pandoro da sola in un pomeriggio“.

La Clerici ha raccontato anche come ha conosciuto il compagno attuale: “Ognuno aveva la sua vita, ma un’amica mi diceva da tempo che aveva trovato un uomo uguale a me. Anni dopo eravamo liberi entrambi e ci siamo conosciuti. Abbiamo iniziato a parlare ed è iniziato subito un feeling. All’inizio ero un po’ spaventata, ma lui ha saputo corteggiarmi e aspettare“. Ma nella lunga chiacchierata con Mara Venier non è mancato un accenno alla scomparsa di Fabrizio Frizzi, a cui Antonella era molto legata: “La vita corre veloce e quando incontri il principe azzurro arriva il momento di dare la svolta. Tu pensi che questo lavoro ti renda un po’ immune da tante cose e anche quello che è successo a Fabrizio Frizzi mi ha fatto capire che la vita è breve e certi treni non possono essere persi“, ha confidato.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Polignano a Mare, tornelli e ticket da 5 euro per entrare nel centro storico addobbato per Natale: scoppia la polemica

prev
Articolo Successivo

Giovanni Angiolini è il medico più bello d’Italia: “Con uno così i dolori bisognerebbe inventarli”

next