Due piloti dei Marines del 101esimo Marine Fighter Attack Trainig Squadron di stanza a Miramar, nella sede della storica scuola di specializzazione al combattimento aereo Top Gun, si sono divertiti a disegnare con il proprio aereo un pene gigante nei cieli della Califormia, precisamente sopra al lago Salton. Una bravata che sarebbe potuta passare inosservata dal momento che l’inequivocabile sagoma era invisibile nei cieli perché è stata fatta senza lasciare la tradizionale scia bianca. Invece, il disegno è stato immortalato dagli schermi dei radar e così la traccia del loro transponder è stata prontamente individuata da un sito di appassionati che ha segnalato la cosa su Twitter. “Qualcuno dovrebbe dire qualcosa all’equipaggio del volo US Navy T-34C 160937 SHUTR91″, scrive infatti Aircraft Spots.

In un attimo la segnalazione è arrivata al comando dei Marines che subito ha deciso di aprire una commissione d’inchiesta sull’accaduto e lasciare intanto a terra i due piloti. L’equipaggio del T-34C è sotto inchiesta per aver volato con un profilo che raffigurava un’immagine oscena e attualmente non effettuano operazioni di volo in attesa del procedimento investigativo in essere. Sebbene messi a terra, i due aviatori del corpo dei Marines stanno provvedendo a fornire supporto vitale per le mansioni dello Stormo”, ha detto il maggiore Josef Patterson a People, aggiungendo che “i marines del terzo Marine Aircraft Wing operano ai più alti livelli che ci si aspetta da parte di un pilota da caccia e sono portatori dei nostri valori fondamentali come onore, coraggio e dedizione”. 

Questa non è la prima volta che i piloti della Top Gun si divertono a disegnare figure oscene nei cieli: a novembre dell’anno scorso la Us Navy fu costretta a scusarsi quando l’equipaggio di un EA-18G Growler della Nas (Naval Air Station) di Whidbey Island disegnò una chiara forma fallica nei cieli di Okanogan nello stato di Washington.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mel B rivela: “Prima di entrare a X Factor sniffavo sei strisce di coca al giorno. Ho anche tentato il suicidio”

prev
Articolo Successivo

Pio e Amedeo: “Sesso a tre con Jane Alexander? Con noi ora avrebbe le stampelle”

next