L’ex Spice Girl Mel B ha deciso di essere “Brutalmente onesta” e di raccontare tutti i segreti più sconvolgenti del suo passato in un’autobiografia (dal titolo appunto “Brutally Honest”) i cui estratti sono stati pubblicati da The Sun on Sunday. “Ero una persona triste e patetica. Ero fuori controllo – rivela Mel B. – La cocaina annebbiava il dolore e mi tirava su abbastanza per essere pronta a dimenticare tutto tranne lo show”. La cocaina era quello che le serviva, racconta, per “andare avanti nella convivenza” con il marito Stephen Belafonte e durante il periodo della sua partecipazione a X Factor in Gran Bretagna in qualità di giudice ha ammesso di essere arrivata a sniffare sei strisce di cocaina al giorno.

Non solo, la cantante rivela anche di aver tentato il suicidio nel 2014, ingerendo 200 compresse di aspirina, che aveva accumulato nel corso degli anni. La 43enne racconta di essersi sentita “brutta e detestata” e afferma che Belafonte aveva “un archivio di suoi video hot“. Prima di prendere le pastiglie scrisse dei biglietti ai suoi figli. Appena dopo aver messo in pratica il tentativo di togliersi la vita, però, si è detta che per il bene dei suoi figli la cosa giusta era di andare in ospedale. Ora,a quattro anni di distanza da quell’episodio, accusa il marito: “Un uomo – spiega – che dopo dieci anni di matrimonio aveva una nostra biblioteca di nastri a contenuto sessuale che, come ben sapevamo entrambi, avrebbe potuto rovinare la mia carriera e distruggere la mia famiglia”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jane Alexander, parla il compagno: “Lei è la persona che più mi ha fatto soffrire nella vita”

next
Articolo Successivo

Disegnano la sagoma di un pene in cielo: due piloti dei Marines “beccati” dagli schermi dei radar

next