Vienna, alleata sul fronte sovranista e anti-immigrazionista, avverte da tempo. Ora si è aggiunta anche Amsterdam. Il governo italiano con i messaggi populisti sta “tenendo in ostaggio il suo stesso popolo”. Così il ministro delle Finanze austriaco Hartwig Loeger – riferisce Bloomberg – avvertendo che l’Austria insisterà per rafforzare il rispetto della disciplina fiscale pronta a sostenere la procedura di deficit se l’Italia non scende a compromessi rispetto alle richieste della Commissione. Loeger ha manifestato il proprio disaccordo con la posizione del ministro dell’Economia Giovanni Tria: “Contrariamente a quanto sostiene il mio collega non si tratta di un affare italiano interno, ma di un affare europeo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’Olanda: “Poco sorprendente ma molto deludente che l’Italia non abbia rivisto il suo piano di bilancio – osserva il ministro delle Finanze olandese Wopke Hoekstra in – le finanze pubbliche italiane sono sbilanciate ed i piani del governo non porteranno ad una robusta crescita economica. Questo budget è una violazione del Patto di stabilità e crescita. Sono profondamente preoccupato. Ora sta alla Commissione europea fare i passi successivi”, si legge ancora nella dichiarazione sulla lettera inviata dall’Italia a Bruxelles.

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romania, Parlamento Ue boccia riforma della giustizia: ora è a rischio il semestre di presidenza. “Non siamo preparati”

next
Articolo Successivo

Brexit, c’è il sì del governo conservatore all’intesa raggiunta con Unione Europea Premier May: ‘Mi aspetto giorni difficili’

next