A gennaio 2019 dovrebbe – in Italia il condizionale è obbligatorio – entrare in vigore la fatturazione elettronica anche in ambito medico. Sono certo che chi ha inventato il sistema non poteva farlo più complesso. La fattura elettronica è un documento in formato digitale (xml) strutturato secondo uno schema codificato e riconosciuto dall’Agenzia delle entrate che si basa sulle specifiche tecniche approvate con il provvedimento n° 89757 del 30/04/2018. Una volta predisposta la fattura elettronica, questa va firmata digitalmente e spedita al Sistema di interscambio, il quale permette lo scambio automatico di informazioni tra l’Agenzia delle entrate e il contribuente, che a sua volta provvederà a recapitarla al destinatario.

Per spedire e ricevere le fatture, a partire si potrà usare la propria posta elettronica certificata (che viene definita “non adatta”), avvalersi di partner tecnologici accreditati dal Sistema di interscambio (pagando fra 10 e 20 euro a fattura), oppure gratis tramite il sito web dell’Agenzia delle entrate (il sistema riuscirà a ricevere un numero elevato di fatture?). In tutti i casi grande perdita di tempo, maggiori difficoltà per il cittadino e maggior aggravio che ricade sul paziente.

È probabile che questo sistema dispendioso e complesso possa far accrescere l’elusione fiscale anche considerando che nella manovra economica si vuole abbassare la detraibilità dal 19% al 17% per le spese mediche. “Dottore, io non ho la posta elettronica, questo sistema è complesso da gestire, lasci perdere la fattura tanto posso detrarre poco e solo nella prossima dichiarazione dei redditi, mi faccia lo sconto, adesso”. Chissà quanti italiani faranno così in un connubio complice. Senza pensare che è proprio di questi giorni la notizia che 562 dipendenti della agenzia delle entrate sono stati accusati di manipolazione dei dati. Il Ministero della Salute vuole i nostri dati sanitari, l’Agenzia delle entrate vuole le nostre fatture sanitarie. Quanta valenza hanno?

Io continuo a pensare che i cittadini possano gestire il loro mondo della salute e della malattia con History Health individualmente. In un “cassetto” del sistema entrerebbero anche le fatture che alla fine dell’anno potranno essere sommate in un conto unico da detrarre – secondo me interamente, visto che il cittadino già paga una quota di assistenza pubblica. Se decide di non usufruirne, ma di spendere di proprio, deve essere autorizzato a detrarne le spese perché riduce in qualche modo la spesa pubblica. Questo sì, sarebbe semplice. Nel rispetto delle regole e della privacy. Per questo ho deciso di accettare l’invito del Garante, Antonello Soro, a Roma. Andrò uno dei prossimi venerdì ad illustrare ancora History Health come feci qualche anno fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, 13 milioni di italiani risparmiano sulle visite mediche. Oltre 530mila i poveri che non possono permettersi cure

next
Articolo Successivo

Le auto in Italia sono cinque volte più dei bambini. È questo il mondo che vogliamo?

next