Being who I am”. Un video musicale, un unico piano sequenza, una comunità che non si spezza nemmeno con tutto l’odio e le leggi liberticide della terra. Amy’s song è l’emozionante brano che Matt Simons ha scritto e interpretato per diffondere un messaggio d’amore, accettazione e uguaglianza. Sulla scia di Subterranean Homesick Blues di Bob Dylan, il videoclip che sta facendo il giro del web, mostra una quindicina di coppie gay e lesbiche con i versi della canzone scritti sui cartelli tenuti in mano. Mentre la cinecamera fluttua tra i protagonisti sparpagliati in un enorme hangar vuoto, qualche coppia si bacia, qualcun’altra si copre distrattamente il viso, altri sorridono, altri guardano l’obiettivo con sfida.

La canzone è ispirata alla vita della co-autrice del testo Amy Kuney, che appare in mezzo ad una quarantina di membri della comunità LGBTQ+. “Does your God really give a damn / Does it make her less of a woman / Does it make him less of a man / Being who I am”, canta Simons che ha poi spiegato: “Amy è una delle persone più coraggiose che conosca. Spero che questo brano possa raggiungere tutte le persone che si sentono abbandonate dalle loro famiglie o dalle loro comunità e possa aiutarle a sentirsi meno sole nel mondo”. Il video è diretto da Kris Pouw e il ricavato verrà interamente devoluto alla United Nations Foundation per le iniziative relative all’uguaglianza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gioachino Rossini, 150 anni senza “Cigno”. Ma la musica della star dell’opera scoppia di salute in tutto il mondo

prev
Articolo Successivo

Giorgio Canali, nel nuovo disco ‘guardo al futuro con ottimismo. Nonostante il mondo’

next