L’amore ai tempi di Gio Evan. Va bene che farsi lasciare su Instagram è per stomaci forti, ma farsi dire addio ricevendo un aforisma firmato da Giovanni Giancaspro deve essere un trauma irreversibile. Elisa Isoardi molla il fidanzato, ministro degli interni, Matteo Salvini, affrancando il francobollo web con un aforisma umoristico già diventato materia di studi filosofici e morali.

416.000 followers su Instagram, oltre 200.000 like sulla sua pagina Facebook, Gio Evan è però fenomeno nonsense dell’aforisma da diverso tempo. Classe 1988, cinque romanzi pubblicati, un album musicale, la frequentazione di sciamani durante un viaggio in bicicletta in sud America  (pare che il suo nome d’arte glielo abbia dato un indiano Hopi misteriosamente vivente in Argentina), Giancaspro gioca dall’alto (o dal basso) del suo limbo professionale autocelebrativo tra surrealismo fiacco e abbozzi spiritosi di arte terapia.

Basta dare un’occhiata su Instagram per capire che Gio ama ribaltare il senso di un luogo comune, aggiungere un prefisso ad un verbo o a un sostantivo, trovare la più banale rima baciata. Evan è anche l’unico poeta haiku ad avere frotte di followers più haiku di lui (se dico riga fa rima con?). Forte la tensione tra la risata con gli amici al bar e la sensibilità da gruppo di poesia del lunedì sera, Gio é anche la conferma che Gino Bramieri vive ancora tra noi. Con una rete a strascico recupera i resti di freddure e inesauste gag da cabaret di provincia spacciandole per spiritualità spicciole disponibile online a ogni ora del giorno e della notte. Insomma: Dio è morto ma neanche Evan si sente tanto bene

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Matteo Salvini e Elisa Isoardi, Dagospia rivela: “Lei ha già una nuova fiamma. Vivono insieme a Montesacro”

next
Articolo Successivo

Elisa Isoardi lascia Matteo Salvini con una frase di Gio Evan. Il poeta in radio commenta: “Mi stanno ferendo, oggi mi stanno seppellendo”

next