Ragazzi in coda tutta la notte con i sacchi a pelo, i trolley e gli zaini: non è la fila per il nuovo iPhone né per la tournée di qualche popstar internazionale, ma per avere i biglietti dell’anteprima giovani alla Scala di Milano. L’appuntamento è per il 4 dicembre, con Attila, di Giuseppe Verdi. Prima della grande soirée del 7 dicembre, con il suo pubblico di politici e celebrità, il teatro Piermarini dedica una serata al suo pubblico più giovane con i biglietti a prezzo ridotto: 24 euro. “È molto bello che i primi in assoluto a vedere un’opera siano i ragazzi” dice Paolo Besana, capo ufficio stampa del Teatro alla Scala. “È un grande rito collettivo, c’è un senso di comunità tra gli appassionati”.

L’iniziativa delle anteprime per i giovani è nata nel 2008, con Don Carlo, e da allora ha mantenuto un costante successo. “La Scala è uno dei teatri che fanno di più per i ragazzi, attraverso una grande operazione di promozione culturale in università”, spiega Besana. Un lavoro che ha dato i suoi frutti: circa mille ragazzi hanno sottoscritto gli abbonamenti pensati appositamente per loro, e altrettanti hanno richiesto il Pass Under30 che dà diritto a sconti su alcune opere. “Su 400mila spettatori, 90mila sono giovani“. La Scala è stato il primo teatro al mondo ad essere presente su Twitter e su Instagram mostra spesso il dietro le quinte delle opere, i cantanti in tournée: un modo per essere vicina a tutti, e per far avvicinare tutti al teatro.


Video di Paolo Tani

“Ieri non siamo andate a ballare per poter essere qui presto, le nostre amiche ci hanno preso per matte”. Giulia, Elisa e Chiara hanno approfittato del ponte e alle sette si sono presentate davanti alla biglietteria del Piermarini. Per chi come loro compra i biglietti per la prima volta il meccanismo può sembrare complicato: ci si registra sul sito, poi vengono distribuiti numeri in ordine di arrivo. Alle otto e mezza, i ragazzi ricevono dei contrassegni che serviranno per ritirare il proprio biglietto alle nove, appena apre la biglietteria. “Veniamo alla prima perché è un evento mondano e puoi vederlo con venti euro – dicono in coro – se ci danno il Bonus Cultura per i diciotto anni magari torneremo”. Soprattutto per il balletto, per vedere Roberto Bolle dal vivo.

C’è chi si è presentato vestito di tutto punto, trench, cappello e foulard. Chi fa le storie su Instagram per far vedere quanta gente c’è in coda. Matricole fuorisede che vanno in gruppo con tutti i compagni di collegio perché “è una tradizione, ogni anno si fa la notte insieme qui“. Ci sono gli studenti dei licei musicali, consigliati dai professori, e quelli di Giurisprudenza che vanno a teatro per la prima volta. C’è anche chi si trascina dietro un trolley, perché per avere i biglietti è partito da Torino, Asti o Carrara. Lorenzo ed Eleonora arrivano dalla Toscana, con zaini e sacchi e pelo. Non hanno nemmeno pensato ad acquistare il biglietto online: “Per esperienza sappiamo che il sito spesso collassa. Meglio venire qui per essere sicuri un buon posto”. Lorenzo è partito presto da Vercelli: “Il 4 dicembre è il mio compleanno, è un regalo che mi faccio: spero di diventare cantante, un giorno”.

Alessandro è arrivato alle sei del mattino e aveva già 160 persone davanti: “Studio Economia a Milano da quattro anni, mi sembrava un peccato non approfittare dei biglietti a venti euro. Ho visto l’opera una sola volta, all’Arena di Verona: quattro ore al freddo. Più che per l’opera in sé, vengo per il contesto, per l’atmosfera: se l’opera non ti conquista alla Scala, probabilmente non ti piacerà mai”. Giosué invece è un affezionato del Piermarini. È stato il primo ad arrivare ed ha gestito lui la “lista”, segnando i nomi dei ragazzi man mano che arrivavano. Un’organizzazione spontanea, tradizione che si è consolidata negli anni. Basco verde in testa, occhiali e baffi arricciati, ascolta l’opera fin da quando era bambino: “All’estero il teatro è più accessibile per gli studenti: a Vienna con tre, quattro euro puoi avere ottimi posti”. Dal prossimo anno però i ragazzi sotto i 25 anni potranno avere un posto alla Scala con soli due euro: un’iniziativa circoscritta alle rappresentazioni dedicate ai giovani, e subito allargata ad altre fondazioni liriche.

Alle nove e un quarto sono stati già venduti 240 biglietti. Un gruppo di ragazzi esce con le buste in mano e si fa un selfie in segno di vittoria: “Sono ottimi posti, abbiamo passato la notte sotto la pioggia ma ne è valsa la pena”. Per tutti gli altri, l’appuntamento è a mezzogiorno sul portale online: bisogna essere i più veloci a cliccare, perché i biglietti finiscono nel giro di pochi minuti. “Quando il servizio era gestito VivaTicket, anni fa, il sito puntualmente andava in down”, racconta Andrea, che da Lucca ogni anno prova ad aggiudicarsi un biglietto online. “Adesso con TicketOne il servizio è preciso e puntuale, ma proprio per questo bisogna sperare che la connessione sia abbastanza veloce”. A mezzogiorno e cinque riceve la fatidica mail di conferma: “Non ho neanche controllato il posto, ma sia io che i miei amici ci siamo riusciti, non ci speravo”. A Roma Luigi invece non è stato altrettanto fortunato: a mezzogiorno e dieci era già tutto esaurito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Poetry slam, è nata una nuova e ottima generazione di poet*

prev
Articolo Successivo

Musei, ho passato Halloween alla National Gallery. E ho visto come si amministra la cultura

next