Nel video, diffuso dalla Polizia, il momento del fermo di Yusif Salia. “Come ti chiami, quando sei nato, dov’è il tuo telefono?” si sente dire dagli agenti, che in una delle baracche vicino al Cara di Borgo Mezzanone, si stanno accertando dell’identità del quarto uomo ritenuto responsabile dell’omicidio, in concorso con altre tre persone, di Desirèe Mariottini. Gli inquirenti hanno individuato l’uomo seguendo le celle telefoniche del suo cellulare.