Nel video, diffuso dalla Polizia, il momento del fermo di Yusif Salia. “Come ti chiami, quando sei nato, dov’è il tuo telefono?” si sente dire dagli agenti, che in una delle baracche vicino al Cara di Borgo Mezzanone, si stanno accertando dell’identità del quarto uomo ritenuto responsabile dell’omicidio, in concorso con altre tre persone, di Desirèe Mariottini. Gli inquirenti hanno individuato l’uomo seguendo le celle telefoniche del suo cellulare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, spara in strada a una 23enne. Poi chiama il 112: “Ho ucciso l’ex”. Fermato

next
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, convalidato fermo per tre indagati. In due negano: “Sono stati altri”, “Non l’ho sfiorata, era una bimba”

next