È stato trovato e arrestato a Foggia il quarto uomo ritenuto responsabile dell’omicidio e dello stupro di gruppo di Desirée Mariottini, la ragazzina di 16 anni trovata morta la scorsa settimana in uno stabile abbandonato di via dei Lucani a San Lorenzo, Roma. Secondo le prime informazioni, si chiama Yousif Salia ed è un trentenne originario del Gambia. È stato rintracciato vicino all’insediamento abusivo ‘Pista’ di Borgo Mezzanone, la baraccopoli dove il 5 ottobre scorso due poliziotti avevano denunciato di essere stati aggrediti da due migranti. Secondo fonti investigative, era in possesso di circa dieci chilogrammi di marijuana, ritrovati nella baracca dove è stato trovato l’uomo all’interno dell’insediamento abusivo che circonda il Cara (Centro per i richiedenti asilo). Il 30enne aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciato dalla questura di Napoli nel 2012 e scaduto a gennaio del 2014.

Intanto sono stati fissati per sabato mattina, nel carcere di Regina Coeli, a Roma, gli interrogatori di convalida per gli altri tre fermati nell’ambito dell’inchiesta. Mamadou Gara, 27 anni, Brian Minteh, 43 anni, entrambi senegalesi, e il 46enne nigeriano Chima Alinno, compariranno davanti alla gip Maria Paola Tomaselli. Nei loro confronti la Procura contesta i reati di omicidio, violenza sessuale e cessione di stupefacenti. Stessi reati che dovrebbero essere contestati anche al quarto sospetto fermato oggi.

La caccia al quarto sospetto trovato a Foggia era proseguita parallelamente alle indagini. L’ipotesi degli inquirenti è che la 16enne sia stata drogata e poi abusata sessualmente quando era in uno stato di incoscienza. A ucciderla sarebbe stata proprio la quantità di stupefacenti che aveva in corpo, dopo un’agonia durata 12 ore. L’ipotesi dei pm è che i pusher fossero consapevoli degli effetti che quel cocktail di sostanze, probabilmente eroina e metadone, avrebbe causato sulla 16enne. Per questo tra i reati contestati c’è l’omicidio volontario.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, fermato a Foggia un quarto indagato. Il video diffuso dalla polizia

next