Nel 2012 lanciai un appello alle forze politiche per indagare sul funzionamento della Troika, in particolare sull’impatto di tale entità sui sistemi democratici degli Stati membri e su quali interessi finanziari siano effettivamente tutelati da tale entità. Ho anche esposto il progetto ad alcuni parlamentari del M5S, ma per qualche motivo questo è stato bloccato.

L’obiettivo era molto semplice, arrivare preparati ad affrontare lo scontro attuale tra il nostro paese e le istituzioni europee che, come ho detto in molteplici sedi (istituzionali e non), sarebbe arrivato, era solo questione di tempo. Più si arriva preparati a determinati appuntamenti, maggiore è la possibilità di ridurre gli effetti negativi sulla vita dei cittadini.

Come ho già argomentato, l’Europa preme affinché il governo italiano si faccia commissariare in modo più o meno formale. Quel che interessa alla leadership europea è che l’Italia mantenga il piano di austerità e di riforme già richiesto in passato dal governo Monti in poi. Se il governo italiano non accetterà di cambiare la manovra, si aprirà una crisi istituzionale senza precedenti, perché i tedeschi sostengono che l’appoggio della Bce all’Italia senza condizioni si tradurrebbe in un accollo dei debiti altrui.

A questo punto, l’unico modo per reagire in modo “istituzionale” alle pressioni della Germania è quello di aprire una inchiesta sulla Troika (una mia indagine nel libro Il ricatto dei mercati), per capire effettivamente chi si è accollato cosa. Si può in tal senso legittimamente dubitare delle rivendicazioni dei tedeschi visto che l’organizzazione è stata creata attribuendo maggior potere decisionale alla Germania.

Questa e tante altre domande le ho sottoposte negli anni a molti politici e in numerosi appelli e dibattiti pubblici.

Cosa si aspetta?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parlamento Ue si tiene le pensioni (privilegiate). Pd si spacca, sei votano con M5S e Lega: “I politici paghino contributi”

prev
Articolo Successivo

Germania, nella patria dell’austerity i Verdi crescono criticandola: “Ue unica via, ma Berlino faccia politica di solidarietà”

next