Cercavano di evitare l’arresto di un migrante, fuggito da un posto di blocco, così un gruppo di migranti ha accerchiato e aggredito con calci e pugni due agenti in servizio anticaporalato nelle campagne del foggiano. È quanto è successo venerdì 5 ottobre nella baraccopoli abusiva vicina al Cara, il centro per richiedenti asilo, di Borgo Mezzanone. I poliziotti hanno riportato diverse ferite, con una prognosi di 15, 30 giorni. Secondo il Sindacato autonomo  di polizia, gli “extracomunitari erano circa 50 e sarebbero residenti nel centro migranti di Manfredonia.

Tutto è cominciato da un controllo anticaporalato e di contrasto dell’immigrazione clandestina. Secondo la ricostruzione dell’accaduto gli agenti della Polstrada hanno intimato l’alt ad un’auto che procedeva a forte velocità vicino a Borgo Mezzanone. Il conducente, poi riconosciuto come un gambiano di 26 anni, non solo non si è fermato, ma ha cercato di investire uno dei due poliziotti, fuggendo verso le campagne. Dopo un inseguimento, la corsa del giovane è terminata vicino a un insediamento abusivo, sorto proprio nei pressi di Borgo Mezzanone. A quel punto, dopo essere scesi dall’auto e aver inseguito il ragazzo, i due poliziotti sono stati circondati e picchiati da numerosi migranti. “Solo l’intervento di altre pattuglie ha scongiurato il peggio per i due agenti”, ha spiegato Francesco Pulli, segretario nazionale del Sap.

Il cittadino gambiano identificato come Omar Jallow, con vari precedenti penali, è stato arrestato e i due agenti sono stati trasportati all’ospedale di Cerignola. “Episodi del genere non sono nuovi e, sicuramente, a spingere questa gente a delinquere indisturbata, è anche la consapevolezza di restare impunita – ha aggiunto Pulli –  Servono pene severe per chi non rispetta le regole e occorrono anche maggiori tutele per i poliziotti operativi su strada, come, ad esempio, i taser“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, fischi e urla al corteo di sfollati e commercianti verso i politici: “Apriteci le strade, vogliamo risposte”

next
Articolo Successivo

Inps, effetto incentivi: da revoche taglio di altri 10 milioni a malattia e invalidità. Capo personale: “Sistema complesso”

next