L’orrore che si ipotizzava è diventato una certezza. Desirée Mariottini è stata drogata e poi abusata sessualmente quando era in uno stato di incoscienza. A confermarlo sono le indagini condotte dal personale della Squadra mobile di Roma e dal commissariato San Lorenzo. Gli investigatori, dopo una lunga notte di interrogatori e audizioni, hanno fermato prima due uomini. Mamadou Gara, 26 anni e Brian Minteh, 43, senegalesi senza permesso di soggiorno, poi un altro uomo, il nigeriano Alinno Chima, 46 anni. Agli indagati vengono contestati la violenza sessuale di gruppo, la cessione di stupefacenti e l’omicidio volontario della 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita nella notte fra giovedì e venerdì scorsi in un cantiere abbandonato di via dei Lucani, a Roma. Si cerca ancora invece il quarto uomo, ma potrebbe mancare poco alla sua individuazione.

Secondo fonti investigative, il senegalese Gara Mamadou aveva un permesso di soggiorno per richiesta d’asilo scaduto ed era stato espulso con provvedimento del prefetto di Roma il 30 ottobre 2017. Si era reso irreperibile ed è stato rintracciato dal personale delle volanti a Roma il 22 luglio scorso. Il terzo fermato, il nigeriano Chima, risulta titolare di permesso soggiorno per motivi umanitari rilasciato da questura di Roma il 14 marzo 2016 e scaduto il 13 marzo 2018. Per la banca dati del Comune di Roma era irreperibile. Tutti i tre avevano precedenti di polizia per spaccio. “Ora voglio giustizia per Desiree, voglio che questa tragedia non accada ad altre ragazze” dice Barbara Mariottini, la mamma. Chiusa in casa a Cisterna di Latina la donna ha preferito restare con la sua famiglia e lasciare Roma. La sindaca Virginia Raggi ha deciso di proclamare una giornata di lutto cittadino in concomitanza con i funerali.

Desirèe Mariottini si sarebbe prostituita per ottenere droga. Gli inquirenti avrebbero accertato, anche ascoltando alcune testimonianze, che la ragazza, nelle due settimane che hanno preceduto la morte, avrebbe avuto incontri sessuali al fine di ottenere la droga. Incontri che si sarebbero consumati nello stabile dove l’hanno trovata morta. Intanto il procuratore aggiunto Maria Monteleone, che coordina le indagini, ha inviato al gip la richiesta di convalida del fermo per i tre stranieri. Il giudice dovrà quindi fissare entro le prossime 48 ore l’interrogatorio di convalida.

Mix di droghe per stordirla e poi la violenza di gruppo
In Questura ieri sono stati sentiti sei testimoni e quattro sospettati e prima delle 23 non avevano ancora concluso le deposizioni davanti al procuratore aggiunto Maria Monteleone e al pm Stefano Pizza. Gli investigatori hanno indagato senza sosta per stabilire chi fosse presente dove è stato trovato il cadavere. Poi la svolta e la contestazione ai due uomini.A dodici ore il terzo fermo.  Secondo quanto ricostruito dai detective gli indagati hanno dato un mix di droghe a Desirée il pomeriggio del 18 ottobre in modo da renderla incosciente per poi stuprarla più volte. La ragazzina, che stando alle indagini conosceva i fermati che gravitavano nel palazzo abbandonato che avrebbe già frequentato in passato, è morta nella notte del 19 ottobre.

Il testimone: “Era a terra e aveva attorno 7/8 persone”
“Quella notte ero nel palazzo. Ho visto Desiree stare male. Era per terra e aveva attorno 7/8 persone. Le davano dell’acqua per farla riprendere”. A parlare è uno dei frequentatori del palazzo di via dei Lucani dove è stata trovata morta Desiree Mariottini che dice di essere stato ascoltato in Questura. Il teste racconta anche che la notte del 19 ottobre, attorno all’una, “qualcuno chiamò i soccorsi”. “Io non ho chiamato perché non avevo il cellulare”, racconta all’Ansa un uomo che la notte della morte di Desiree si trovava nel palazzo abbandonato di via dei Lucani. “Quella sera era da sola. Veniva spesso – ha aggiunto – mi ha chiesto di fumare ma non stava bene e le ho detto di no. Poi è arrivato quel nero e le ha detto ‘vieni con me’. Dopo è arrivato un altro. Quando sono tornato era già a terra”.

L’edificio sotto sequestro e i video di sorveglianza
Gli investigatori hanno ascoltato per ore diverse persone, quasi tutti frequentatori dello stabile di via dei Lucani, nel quartiere di San Lorenzo, zona di universitari e che di notte si trasforma in luogo di movida, ma anche di alcol e spaccio. L’edificio è stato sequestrato. Tanti i sopralluoghi dei poliziotti per eseguire i rilievi: acquisiti anche i filmati delle telecamere di sorveglianza. Il quartiere di San Lorenzo da giorni che mostra la sua solidarietà alla famiglia della ragazza e su un muro è apparsa anche una scritta vergata con la vernice bianca “Giustizia per Desiree. San Lorenzo non ti dimentica”. Una morte che ricorda quella di un’altra giovanissima, Pamela Mastropietro, 18enne romana, fuggita da una comunità e andata a morire a Macerata drogata, violentata e poi uccisa.

La telefonata anonima e il ritrovamento del cadavere
È stata la telefonata di un anonimo, nella notte del 19 ottobre, ad avvisare il 118 della presenza del corpo di una ragazza tra le impalcature. Ma, una volta arrivati sul posto, i soccorritori si sono trovati la strada sbarrata da un cancello chiuso con un lucchetto e hanno dovuto quindi attendere l’intervento dei vigili del fuoco prima di poter raggiungere la giovane: ormai non c’era più niente da fare. Subito dopo il ritrovamento un ragazzo senegalese alla polizia ha raccontato quello che ha visto: una ragazzina agonizzante, o forse già morta, sdraiata con una coperta sopra. “Una ragazza urlava – ha detto il giovane, che ha già reso deposizione in Questura -. Ho guardato quella che urlava e c’era un’altra ragazza a letto: le avevano messo una coperta fino alla testa, ma si vedeva la testa. Non lo so se respirava ma sembrava già morta, perché l’altra ragazza urlava e diceva che era morta”.

Alla nonna disse: “Ho perso l’autobus, resto a Roma”
Io sono del Senegal. Io c’ero quella sera, dopo che è morta c’ero”, ha raccontato il testimone le cui parole sembrano rafforzare gli indizi emersi dall’esame autoptico. “Sono arrivato lì tra mezzanotte o mezzanotte e mezza – ha aggiunto – sono entrato e c’era una ragazza che urlava. Nell’edificio c’erano africani e arabi: un po’ di gente, sei o sette persone”. Sempre secondo la testimonianza, accanto a Desirée ci sarebbe stata anche un’altra ragazza: “Era italiana penso pure fosse romana, parlava romano, urlava ‘l’hanno violentata, poi lei ha anche preso qualche droga perché lì si vende la droga. Lei diceva ‘sono stati tre sicuramente o quattro’”. La sedicenne aveva avvertito che non sarebbe tornata a casa: “Ho perso l’autobus, resto a Roma da un’amica” le due ultime parole alla nonna materna in una telefonata il 17 ottobre scorso prima di sparire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Desirée Mariottini, ascoltati testimoni dagli investigatori. L’ipotesi dell’abuso mentre era incosciente

prev
Articolo Successivo

Desirée Mariottini, presidente Municipio Roma II: “Mi sento moralmente responsabile. Ruspa? Non ci serve”

next