Nel video diffuso dalla Polizia, le condizioni, poco igieniche e indecorose, in cui hanno vissuto i braccianti sfruttati da quattro imprenditori arrestati a Vittoria, nel Ragusano, con l’accusa di caporalato (a cui si aggiungono tre persone denunciate). Nelle abitazioni abusive vivevano interi nuclei familiari con, in alcuni casi, neonati (segnalati ai servizi sociali del Comune). Tra i lavoratori sfruttati, per lo più provenienti dall’Africa Centrale, ma anche da Tunisia, Romania e in minima parte dall’Italia, anche minori.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, l’intervento dei soccorritori dopo il cedimento delle scale mobile. I feriti portati fuori dalla metro in barella

prev
Articolo Successivo

Genova, è morto don Federico Rebora: era l’altra metà di don Andrea Gallo

next