Il consorzio Sol.co, a Palermo, è attivo dal 1994 e si occupa di accoglienza ai migranti. In città è il capofila dei sistemi Sprar (Servizio di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), garantiti da centro Astalli, Cresm e cooperativa Badia Grande. Al momento ospita 17 persone, provenienti da Gambia, Senegal, Mali e Guinea. Sono tutti neo maggiorenni e sono inseriti in percorsi di inclusione: c’è chi frequenta il liceo linguistico, chi l’istituto economico aziendale e chi corsi di formazione per diventare meccanico. Alla scuola si sommano corsi di italiano, tirocini, laboratori e, ovviamente, lo sport. Come nel caso di Ibrahim, che gioca a calcio, tifa Juventus (ma giura di farlo da prima dell’arrivo di Cristiano Ronaldo) e che nel suo futuro vorrebbe occuparsi di contabilità. A Palermo. Perché, come sostiene, “sono palermitano”.
Il decreto sicurezza, fortemente voluto dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, riduce così tanto l’operatività degli Sprar – i piccoli centri diffusi, gestiti dai comuni, e che funzionano – da minacciarne l’esistenza. Il consigliere delegato ed ex presidente di Sol.co, Francesco Passantino, si dice preoccupato: “Si criticavano i grossi centri, come il Cara di Mineo, ma ora si punta a mantenere solo quelli. Il risultato è che scoppierà una bomba sociale”. L’allarme arriva anche dall’Anci, presente al festival sulle culture mediterranee, Sabir. “La scelta del ministro è incomprensibile – attacca Matteo Biffoni – i migranti finiranno nei Cas (Centri di accoglienza straordinaria, ndr) e allora addio integrazione. Ce li troveremo per strada in maniera incontrollata“.

Twitter: @albmarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pisa, imprenditore scomparso ritrovato in ospedale a Edimburgo. “Non ricorda l’italiano e non riconosce la famiglia”

next
Articolo Successivo

Alessandro Battaglia, la prova è in una lettera: Papa Francesco sapeva degli abusi “Ora rimuova mons. Delpini che lo coprì”

next