Bambini costretti a scavalcare le cancellate martedì mattina al Colle Oppio a Roma per raggiungere le proprie scuole nella zona del Colosseo. E’ successo in via delle Terme di Tito e via del Monte Oppio, pieno centro storico, poco dopo le 8 e in orario di apertura dei plessi scolastici. Numerosi residenti (e non) hanno trovato i grandi cancelli di accesso chiusi con catene e lucchetti. Ai genitori che hanno trovato le strade sbarrate non è rimasto altro che aiutare i propri figli, molti in età da scuola primaria, ad arrampicarsi sugli alti cancelli per raggiungere in tempo gli istituti. “Sono cancellate pericolose con degli spuntoni, ma presi dal panico non abbiamo potuto fare altro – racconta una mamma a ilfattoquotidiano.it – che dire ai nostri figli di scavalcare. Abbiamo chiamato anche le forze dell’ordine e per fortuna è arrivata una volante in aiuto”.

E’ dovuta intervenire infatti la Polizia di Stato per aprire i cancelli e ripristinare così anche il traffico nella zona che, viste le tante automobili bloccate, era andato in forte sofferenza. Sembra che il tutto sia riconducibile alla protesta improvvisata degli addetti di un’associazione che si occupa, per conto del Comune di Roma, dell’apertura e chiusura dei cancelli dei parchi giardini romani.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Salvini non accetta le scuse della Francia su Claviere: “Lasciarli nel bosco non può essere un errore”

next
Articolo Successivo

Claviere, pm indagano su un altro sconfinamento: “Il 2 agosto controlli della polizia francese su due italiani”

next