“Rifarei tutto quello che ho fatto” ha detto Mimmo Lucano, il sindaco sospeso di Riace rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se cambierebbe qualcosa nel suo progetto di accoglienza ai profughi contestatogli dal Viminale. Per quanto riguarda le contestazioni che il ministero gli ha mosso, come le scarse condizioni igieniche e falle nella rendicontazione, per Lucano “non è vero niente, si tratta di atteggiamenti denigratori”, dato che il “villaggio globale” di Riace è “stato visto da tutti come qualcosa di straordinario”.

C’è accanimento nei suoi confronti? “non lo so, non voglio apparire vittima di nessuna cosa, ho l’orgoglio di una terra che mi fa guardare con fierezza al futuro con la consapevolezza di essere nel giusto”, ha replicato Lucano che ha ricevuto i cronisti a casa sua, dove si trova ai domiciliari. A chi gli chiede che cosa pensa della frase “chi sbaglia, paga” che gli ha rivolto il ministro Matteo Salvini, il sindaco sospeso risponde che si tratta di parole che danno “il senso di qualcosa di autoritario” che mal si addicono a un ministro. Quanto al futuro dei migranti che si trovano a Riace, Lucano conclude dicendo che “non se ne andranno, hanno dei bambini piccoli con loro e non hanno alcun posto dove andare, solo qualcuno è andato via negli ultimi tempi per la situazione di grande incertezza, ma la maggior parte non ha veramente dove andare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Promettimi”, la nuova canzone di Elisa dedicata al secondo figlio con cui diventa testimonial di Save the Children

prev
Articolo Successivo

Milano, vasto incendio in un capannone di stoccaggio rifiuti. Comune: “Tenete le finestre chiuse”

next