La bottiglia d’acqua Evian firmata da Chiara Ferragni e venduta a 8€ continua a far discutere. La questione è addirittura approdata in Parlamento, dove un senatore di Fratelli D’Italia ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Ambiente, e ha suscitato il disappunto anche del Codacons. Il presidente dell’associazione consumatori Carlo Rienzi ha definito infatti la vendita dell’acqua ad un tale prezzo “una pratica a nostro avviso scorretta e illegittima”, minacciando un esposto proprio contro la Ferragni, accusata di influenzare le quotazioni del prodotto sui mercati.

Parole forti, che hanno suscitato la dura reazione di Fedez, marito di Chiara Ferragni, che si è detto “inca****o nero” e da Los Angeles ha pubblicato diverse storie su Instagram in cui risponde alle accuse dell’associazione: “Un’istituzione come il Codacons che adesso s’indigna per un bene primario che costa 8 euro, quando da anni ci sono acque che costano 8 euro, dov’era fino adesso? Perché si scandalizza solo ora? Semplicemente perché la notizia è diventata virale e vuole cavalcare facili consensi”, attacca Fedez.

Nel video, il rapper si filma mentre cerca online il prezzo di altre acque minerali: “Esiste anche un acqua a 75 euro: caro presidente, faccia qualcosa”, dice Fedez, che mostra altre bottiglie in vendita a prezzi elevati: “C’è un’acqua a 330 euro. Ma il Codacons come vigila? Tramite le tendenze di Twitter? Avete beccato la famiglia sbagliata”, conclude.

Sembra lo studente discolo, che colto in flagrante si difende a colpi di ‘Così fanno tutti“, ha replicato subito il Codacons in una nota. “Lo ringraziamo per averci indicato altri casi del genere: ci sono bottiglie a 75 euro? Grazie per la segnalazione, prenderemo provvedimenti anche lì. Ti garantisco la massima par condicio, nessun ‘due pesi e due misure’. Ma questo ‘Così fanno tutti’ non cambia niente: resta il fatto che l’acqua a 8 euro non è concepibile. Punto e basta“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stefano Cucchi, Alessandro Borghi commenta su Twitter la svolta nel processo: “La giustizia è lenta, ma arriva per tutti”

prev
Articolo Successivo

Naturist Cleaners, una colf sexy e tutta nuda? In Inghilterra è possibile: “Siamo fornitori professionali di servizi di pulizia che credono nel naturismo”

next