Rendimenti dei titoli di Stato italiani in salita e Borsa debole nel giorno in cui la Nota di aggiornamento al Def dovrebbe finalmente essere inviata al Parlamento a una settimana dal varo ufficiale in consiglio dei ministri e dopo un lungo lavoro di riscrittura. Nella conferenza stampa di mercoledì sera il governo si è limitato a confermare che il deficit/pil salirà al 2,4% nel 2019 per poi calare progressivamente ma non ha comunicato l’atteso dato sulla crescita attesa l’anno prossimo e i successivi.

Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund (spread) ha chiuso a 280 punti base dai 275 segnati in avvio. Ma il tasso di interesse pagato dal Btp è salito fino al 3,37%, poco sotto il 3,4% raggiunto martedì quando il tasso ha toccato i massimi dalla primavera 2014. L’impatto sullo spread è stato contenuto – si è allargato solo fino a 282 punti – perché sono saliti anche i rendimenti dei titoli tedeschi di pari durata, a 0,53% contro lo 0,48 della chiusura di mercoledì.

Piazza Affari, che in avvio segnava -0,1%, nel corso della seduta ha aumentato le perdite a -0,59%. Sono rimasti però in territorio positivo i titoli bancari, fortemente penalizzati dalle vendite nei giorni scorsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spread, nessun effetto per i mutui già fatti. Su quelli futuri solo se la corsa continua (almeno per 6 mesi)

next
Articolo Successivo

Povertà, Rapporto ASviS: Italia peggiora e aumentano disuguaglianze. Bene innovazione e agricoltura sostenibile

next